Puoi crescere fuori dall'ADHD? Cosa dice la scienza

Quando ero al college, ho seguito un corso chiamato 'Psicologia sociale'. La professoressa di questo corso aveva qualcosa che avrebbe sempre voluto dire che ho trovato vero. 'In Psicologia', ci diceva, 'la risposta è sempre' è un po 'entrambe le cose.' '

Questo è spesso il caso anche in psicologia clinica. Mentre il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) fornisce un elenco di sintomi per aiutare a identificare i disturbi, i pazienti possono avere una delle diverse combinazioni di essi. Anche questi sintomi possono cambiare nel tempo, e questo è il caso dell'ADHD.





Fonte: pixabay.com

Se hai avuto l'ADHD da bambino, probabilmente ricordi di sentirti un po 'diverso dagli altri bambini. Non solo i tuoi interessi erano diversi e le tue passioni intense, ma forse sei stato trattato in modo diverso dai tuoi insegnanti. Se sei un adulto e ce l'hai, probabilmente hai imparato a gestire i sintomi, almeno in una certa misura. Anche se questo significa, ovviamente, che sia i bambini che gli adulti possono avere il disturbo, la domanda rimane: puoi uscire dall'ADHD?



In questo articolo, esamineremo una sequenza temporale abbastanza tipica di due persone che crescono con ADHD. Cominceranno nello stesso posto da giovani, ma prenderanno due strade diverse per affrontare la loro diagnosi. Daremo anche un'occhiata ai fattori che possono determinare il modo in cui i loro sintomi si manifestano più avanti nella vita.

Giovani (scuola materna, elementare e prima media)

Chiunque abbia mai trascorso del tempo con i bambini sa che vogliono sempre giocare. Quelli di noi che hanno i nostri figli sanno che vogliono sempre giocare. Questo è normalmente vero, anche per i bambini senza ADHD. Per quelli che ce l'hanno, però, la loro energia è illimitata e tutto ciò che richiede pace e tranquillità è una scommessa rischiosa.



Supponiamo, ad esempio, che porti tuo figlio a vedere uno dei film di Michael Bay Transformers. Potrebbe non essere la tazza di tè di ogni tizio, ma è probabile che apprezzino i combattimenti e le esplosioni. Le persone con ADHD bramano stimoli perché il loro cervello non produce dopamina sufficiente. Un'azione emozionante e intensa come quella vista in Transformers è il genere di cose che un ragazzo con ADHD amerebbe. Potresti ricevere un entusiasta 'Woah!' qua e là, ma state tranquilli, i tempi saranno appropriati e vostro figlio sarà intrattenuto per 2-3 ore intere.

Ora, prova a portarli a un servizio religioso. A meno che il tuo bambino prodigo non stia cercando un significato nella vita alla tenera età di, tipo, 10 anni, questo ti esploderà in faccia. C'è pochissimo stimolo all'ascolto di qualcuno che legge brani di un testo arcaico. Tuo figlio penserà a quel film fantastico che avete visto ieri, facendo forti rumori di getto mentre si 'trasformano' in uno e 'volano fuori dall'edificio'. Tu, d'altra parte, proverai a calmarli. Ti chiederai, nella speranza che non lo facciano durante un incontro di alto profilo al loro lavoro tra 20 anni: puoi uscire dall'ADHD?

Pre-adolescenti e giovani adulti (tardo medio - scuola superiore)



Fonte: pixabay.com

Dove va la storia da qui dipende da come sono stati trattati i sintomi nella fase precedente. Se i sintomi non sono stati gestiti o trattati, qualcuno che cresce con l'ADHD potrebbe avere problemi ad adattarsi e ad esibirsi in modo accademico. Questo è il motivo principale per cui l'ADHD e la depressione sono così spesso comorbili. Possono ricevere voti bassi o addirittura fallire del tutto. Questo disorienterà le persone che non capiscono l'ADHD. Si chiederanno perché un bambino così chiaramente intelligente e pieno di potenziale stia lottando a scuola.

D'altra parte, se il bambino ha iniziato a ricevere cure durante la fase precedente, questi sottoprodotti nocivi potrebbero avere il loro impatto ridotto. Sebbene possano ancora trovare la scuola impegnativa a causa della sua struttura rigida, saranno meglio attrezzati per saltare i cerchi necessari per avere successo, anche se ne odiano ogni secondo. I loro amici potrebbero chiedersi perché sembrano così 'cablati' tutto il tempo. Con le giuste abilità, però, questo bambino sarà in grado di navigare efficacemente nella sfera sociale.

In entrambi i casi, il bambino probabilmente presenterà ancora alcuni sintomi. Mentre il trattamento può mediare le increspature causate dai sintomi dell'ADHD, i sentimenti di irrequietezza sono ancora sempre presenti. La scuola - almeno per la maggior parte - continuerà a trascinarsi. A loro non potrebbe importare di meno di Shakespeare. Vogliono solo tornare a casa e imparare cosa gli piace. Questo è un fenomeno noto come iperfocus. È vero che le persone con ADHD fanno fatica a prestare attenzione alle cose a cui non si interessano. Ma quando scoprono una passione, possono escluderla dal mondo intero. Questo è il rivestimento d'argento dell'ADHD, la benedizione opposta alla maledizione. La persona che, attraverso l'educazione e il trattamento, impara a massimizzare il proprio iperfocus trasformerà un handicap in un potente vantaggio.



In quella classe, però, vorrebbero potersi alzare e andarsene. Penseranno al futuro ea come non vogliono un lavoro d'ufficio. Si sentono come se non fossero mai soddisfatti se dovessero sedersi con un lavoro noioso tutto il giorno. Si chiedono: puoi uscire dall'ADHD?

Età adulta (college, anni '20 -'30)

Dopo il liceo, alcune persone vanno al college, dove abbondano le nuove esperienze. Per altri, la vita reale sta per iniziare. Come tutti, hanno risorse limitate e desideri illimitati. Un lavoro, una casa, un'auto, un coniuge - lo chiami. Il modo in cui il paziente con ADHD si adatta è fortemente influenzato da quanto capiscono della loro condizione.

La persona che ha gestito il proprio ADHD per un po 'conosce i propri punti di forza e di debolezza. Sanno dove lotteranno e dove supereranno. Sanno cosa e come studiare. Sanno alcune cose che gli piace fare. Naturalmente, stanno per imparare molto di più su se stessi (ci fermiamo mai davvero?). La persona il cui ADHD è in trattamento, tuttavia, è meglio attrezzata per questo cambiamento incipiente rispetto alla persona che non lo è.

Come è stato affermato in precedenza, le persone con ADHD bramano la stimolazione. Questa è una delle ragioni per cui la libertà dell'età adulta può essere pericolosa per loro. La tentazione sensuale è ovunque ei piaceri sensuali sono miniere d'oro della dopamina. Alcune persone la trovano nei fast food, che sono economici, facilmente accessibili e carichi di zucchero. Altri lo trovano nella droga, che può portarti in un posto dove tutto sembra a posto, anche bello. Poi c'è chi la trova nella promiscuità, che è satura di rischi se non si prendono le dovute precauzioni.

Fonte: pixabay.com

Tutte queste cose sembrano soluzioni rapide e convenienti per qualcuno che ha l'ADHD. Se entrano troppo in profondità, però, non si rendono conto della presenza di obesità, dipendenza o malattie sessualmente trasmissibili fino a quando non ne soffrono già. La gestione precoce dei sintomi dell'ADHD è vitale per prevenirlo. Altri fattori come la pressione dei pari e lo stress lo rendono già abbastanza difficile.

Colui che ha gestito il proprio ADHD è più probabile che sia sano e contento. Colui che non ha è più probabile che si auto-medichi nel tentativo di accontentarsi. Entrambi, però, hanno ancora alcuni sintomi. Anche se non è probabile che siano così inclini agli scoppi, potrebbero comunque essere irrequieti e sentirsi irrequieti. Hanno ancora problemi a concentrarsi sulla maggior parte delle cose, ma vengono avvolti da ciò che amano. Entrambi si pongono quasi sempre la domanda: puoi uscire dall'ADHD?

Vita in età avanzata (40+)

Ormai, la maggior parte delle persone ha rallentato. Semplicemente non hanno l'energia a cui erano abituati e si sono abituati alla routine che è la vita. È abbastanza probabile che questo sia vero anche per le persone con ADHD. Anche ora, probabilmente sperimentano sintomi: quell'irrequietezza interiore è qui per restare, anche se la meditazione potrebbe aiutare. La persona che ha gestito il proprio ADHD lo sa, ma quella che non lo è stata.

Ciò che distingue questi due ora sono i risultati delle loro vite finora. La persona che ha gestito il proprio ADHD ha sicuramente affrontato lo stress in modo più efficace. È più probabile che abbiano evitato le insidie ​​e si siano conformati con successo a una vita normale e sana. Probabilmente hanno un lavoro fisso, anche se è quello super noioso che temevano al liceo.

D'altra parte, la persona che non ha gestito efficacemente il proprio ADHD potrebbe non essere così fortunata. Questo non vuol dire che ogni individuo il cui ADHD non viene gestito avrà questi risultati, ma da un punto di vista logico, le possibilità sono più alte. I loro tentativi di trovare piacere potrebbero averli portati a dipendenza o problemi di salute. La loro irrefrenabile irritabilità e impulsività potrebbe essere costata loro qualsiasi cosa, dal lavoro alle loro relazioni.

Per tutta la vita, entrambe queste persone si sono poste la domanda: puoi uscire dall'ADHD? È molto probabile che siano arrivati ​​a due risposte molto diverse.

Puoi crescere fuori dall'ADHD?

annoiato dalla vita

Abbiamo esaminato le vite di due persone diverse con lo stesso disturbo, che hanno scelto di affrontare la loro sfida in modi completamente diversi. Una persona ha gestito attivamente il proprio ADHD istruendosi e cercando cure e di conseguenza ha avuto un tempo molto più facile a scuola e nella vita. L'altro non ha ricevuto alcun trattamento e ha fatto del suo meglio per sentirsi meglio nell'unico modo in cui sapeva. Questi risultati sono agli estremi polari opposti dello spettro, ma illustrano gli effetti (anche se estremi) che il trattamento può avere sull'ADHD.

Fonte: pixabay.com

Puoi crescere fuori dall'ADHD? È una semplice domanda sì o no. Come spesso accade, tuttavia, la risposta è 'è un po 'entrambe le cose'. Le persone tendono a superare, o piuttosto a crescere, i sintomi e trovano che siano meno gravi con l'avanzare dell'età. La più grande influenza sui risultati dell'ADHD è se è stato gestito in modo efficace o meno. Le scelte che abbiamo fatto ieri decidono la realtà di oggi.

Se tu o tuo figlio soffrite di ADHD e vorreste essere curati, non è mai troppo tardi per iniziare. Prima si verifica un intervento positivo, meglio sarai equipaggiato per affrontare i tuoi sintomi. Una sana gestione dell'ADHD può fare la differenza nel rendimento scolastico o lavorativo, così come nella vita sociale. Il tuo sé futuro ti ringrazierà.