Nicotina, ADHD e legami tra di loro

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività è collegato a numerose cose. I ricercatori continuano a lavorare per scoprire cosa causa esattamente l'ADHD e se esiste o meno una cura effettiva per la condizione. Nel frattempo, scienziati, medici e team di ricerca continuano a scoprire aspetti della condizione che possono essere compresi e previsti, al fine di comprendere meglio il disturbo e come prevenirlo e trattarlo al meglio.

Attualmente, i due metodi di trattamento più comuni sono la terapia cognitiva e i farmaci. La terapia cognitiva include una semplice terapia del linguaggio e modalità simili come la terapia cognitivo comportamentale, ma potrebbe anche includere l'EMDR e le tecniche basate sul trauma per risolvere qualsiasi trauma o problemi mentali ed emotivi irrisolti che potrebbero prestarsi alla proliferazione dei sintomi dell'ADHD.



Gli stimolanti sono solitamente la forma preferita di farmaci per l'ADHD, poiché sono supportati da prove coerenti che molti dei comportamenti compulsivi, iperattivi e disattenti caratteristici dell'ADHD vengono calmati quando il farmaco è in uso. Questo metodo persiste in genere poiché non è progettato per raggiungere il nucleo del disturbo e curarlo, ma è un modo per alleviare la lotta con alcuni dei suoi sintomi.



depressione endogena

Fonte: rawpixel.com



Nicotina e ADHD: gravidanza

La storia familiare gioca un ruolo determinante significativo nello sviluppo dell'ADHD. Il 'come' esatto non è noto, ma esistono collegamenti causali tra alcune malattie familiari e l'ADHD, inclusa una storia familiare di ADHD e altri disturbi dell'apprendimento o comportamentali. Anche i problemi in utero giocano un ruolo, poiché sono stati scoperti collegamenti tra bambini con crescita limitata e altri problemi in utero e il successivo sviluppo dell'ADHD. Uno di questi problemi è direttamente correlato al comportamento dei genitori in utero: l'uso di nicotina.

I medici scoraggiano abitualmente le donne incinte dal fumare, masticare e usare altre forme di tabacco durante la gravidanza, poiché esistono legami definiti tra l'uso del tabacco in gravidanza e una serie di complicazioni, tra cui parto prematuro, complicazioni fetali e persino aborto spontaneo. Lo stesso vale per la nicotina, nonostante la sua reputazione di alternativa più sicura al tabacco. Poiché la nicotina crea dipendenza, c'è anche il rischio che un bambino sviluppi una dipendenza più avanti nella vita.

Negli adulti, ci sono innumerevoli rischi per la salute associati all'uso di nicotina: possibilità di cancro, malattie cardiovascolari, tossicità, danni gastrointestinali e possibilità di difetti alla nascita nelle donne in gravidanza. I difetti alla nascita possono essere facilmente visibili alla nascita, come nel caso in cui a un bambino manca una mano o ha una palatoschisi, o possono manifestarsi in seguito, come nel caso dei bambini con alcune condizioni muscolari e disturbi intellettuali e comportamentali. Sebbene la nicotina sia commercializzata come un'alternativa sicura all'uso del tabacco, si rivela altrettanto dannosa per i bambini esposti durante lo sviluppo e presenta altrettanti rischi per gli adulti che fumano.



Nicotina e ADHD: fumo e oltre

A parte la gravidanza, ci sono altri legami tra nicotina e ADHD. Alcuni studi hanno scoperto che gli individui con ADHD sono più suscettibili alla dipendenza. Di conseguenza, la dipendenza da nicotina è stata riscontrata in concentrazioni più elevate negli adolescenti con ADHD rispetto ai loro coetanei tipici. Come sostanza che crea abitudine, la nicotina in questo formato dovrebbe essere evitata di regola, in particolare quando non è controllata e somministrata da un professionista della salute, ma essere particolarmente dannosa quando è coinvolto l'ADHD.

paura del mostro

Fonte: unsplash.com



Nonostante ciò, tuttavia, è stato anche affermato che la nicotina ha un certo valore nel trattamento dell'ADHD; come Adderall e Ritalin, i due farmaci più comunemente prescritti per l'ADHD, la nicotina è uno stimolante e ha un effetto calmante su alcuni dei sintomi dell'ADHD. È possibile, quindi, che alcune persone si siano rivolte al fumo come forma di auto-prescrizione. Uno studio ha determinato che il 40% delle persone con ADHD erano fumatori, rispetto a circa il 20% della popolazione generale, suggerendo che potrebbero essere in gioco sia l'auto-prescrizione che la predisposizione alla dipendenza.

Una volta lo studio ha scoperto che la nicotina non era solo una forma efficace di trattamento dell'ADHD, ma forniva lo stesso sollievo senza gli effetti collaterali delle opzioni di trattamento standard. In questo studio, a un uomo è stato somministrato un cerotto alla nicotina per trattare simultaneamente l'astinenza da nicotina e i sintomi dell'ADHD, e l'uomo in questione (usando il soprannome di 'Mr. A') ha riportato una diminuzione sia dei suoi sintomi di ADHD che del suo desiderio di fumare mentre indossando il cerotto.

La nicotina può essere un terreno scivoloso per l'ADHD. Ha il potenziale per essere dannoso per le persone con il disturbo, ma ha anche il potenziale per aiutare le persone con ADHD a ridurre i sintomi. Come forma di trattamento, la nicotina deve essere prescritta e somministrata da un professionista della salute mentale, poiché dosi elevate possono portare a effetti dannosi sulla salute ed è improbabile che producano risultati sicuri, coerenti e utili.

Usare la nicotina con l'ADHD

Per le persone con ADHD, iniziare l'uso di nicotina con un medico al tuo fianco può dare i migliori risultati; il dosaggio può essere adattato alle proprie esigenze e può essere somministrato per via transdermica, attraverso un cerotto alla nicotina. È improbabile che questo metodo venga utilizzato presto con i bambini, ma può essere un metodo di trattamento efficace per gli adulti che soffrono di difficoltà di messa a fuoco, impulsività e iperattività. Il fumo non produce gli stessi effetti di un parto transdermico, tuttavia, poiché il fumo non riesce a fornire un dosaggio costante e misurato di nicotina, ed è assuefazione nel suo rilascio. Il fumo non dovrebbe mai sostituire una prescrizione effettiva di nicotina e potrebbe effettivamente portare a effetti negativi sulla salute, come malattie e dipendenza da sostanze, entrambe cose che possono aggravare i sintomi dell'ADHD.

Per le persone che hanno l'ADHD e stanno lavorando per smettere di fumare, la nicotina sembra essere particolarmente utile; svolge il doppio lavoro sia come efficace sostituto del fumo che come mezzo per il trattamento dell'ADHD. Poiché la dipendenza è così potente per le persone con ADHD, trovare un metodo affidabile per alleviare la dipendenza è un altro strumento importante da sviluppare per il trattamento dell'ADHD. È stato dimostrato che i cerotti alla nicotina migliorano significativamente i risultati delle persone con ADHD che cercano di smettere di fumare e i partecipanti sono stati in grado di smettere di fumare senza sintomi di astinenza drammatici o effetti avversi, come un aumento dei sintomi di ansia o depressione.



Il futuro della nicotina e dell'ADHD

Poiché molti studi hanno mostrato effetti negativi quando si utilizza la nicotina, la sostanza deve essere usata con cautela e non deve essere applicata come fonte di trattamento unica per l'ADHD. Per le persone all'interno di una nicchia specifica, tuttavia, in particolare, quelle con dipendenza dal fumo e ADHD, o coloro che soffrono di effetti collaterali negativi da farmaci standard per l'ADHD, la nicotina ha un valore potenzialmente enorme e potrebbe sostituire altre opzioni di trattamento farmaceutico in alcune popolazioni .

Detto questo, la realtà dei pericoli della nicotina durante la gravidanza non dovrebbe essere ignorata e la nicotina dovrebbe essere evitata nei casi in cui la paziente è incinta, allatta o sta cercando di concepire. Sebbene i dosaggi potrebbero non essere abbastanza grandi da replicare l'effetto del fumo, la possibilità di difetti alla nascita non dovrebbe essere aggravata in qualcuno la cui storia medica fornirà già una predisposizione a disturbi comportamentali, dello sviluppo o intellettuali.

Fonte: pexels.com

Gli adolescenti sembrano essere particolarmente sensibili agli effetti lenitivi della nicotina e possono essere maggiormente a rischio di sviluppare l'abitudine al fumo rispetto alle persone che hanno già raggiunto l'età adulta senza dipendere dalla nicotina. Oltre al monitoraggio regolare, gli adolescenti dovrebbero essere consapevoli dei possibili rischi ed effetti collaterali del fumo e potrebbe essere necessario discutere di modificare del tutto il dosaggio, la frequenza o il farmaco se hanno ancora difficoltà a concentrarsi, controllare il comportamento impulsivo e regolare l'energia. La rapida efficacia di una sigaretta potrebbe rivelarsi troppo difficile da resistere per un adolescente alle prese con questo disturbo.

Una volta che le persone con ADHD iniziano a fumare, smettere è in realtà più difficile da fare di quanto non lo sia per la popolazione generale; ben il 48% della popolazione tipica smette di fumare nel corso della vita, mentre solo il 29% delle persone con ADHD ha abbandonato con successo l'abitudine. Evitare problemi lungo la strada può essere uno dei migliori motivi per evitare del tutto la nicotina, a meno che non venga somministrata sotto forma di farmaci progettati per aiutare l'ADHD.

La nicotina e l'ADHD hanno diversi legami, ciascuno distinto dall'altro. La sostanza può avere un effetto positivo sull'ADHD e può effettivamente essere un metodo utile per trattare il disturbo, mentre può anche aggravare i sintomi dell'ADHD, potrebbe effettivamente essere parte di ciò che li causa in primo luogo e perpetuare un ciclo di salute familiare problemi. Per questo motivo, la nicotina dovrebbe essere trattata come una sostanza volatile, richiedendo la guida di un terapeuta, le cure di un medico e la supervisione prima dell'uso, piuttosto che essere considerata un'alternativa sicura al tabacco o un mezzo alternativo per lenire i sintomi dell'ADHD oltre a quelli di un medico. ordini.

come superare gli stereotipi

Come tante cose, la nicotina e l'ADHD hanno una storia leggendaria e una serie di interazioni contraddittorie. Come spesso accade, la moderazione è la chiave per determinare se la nicotina debba essere usata o meno con i pazienti con ADHD. Questo particolare intervento non sembra richiedere dosaggi elevati per funzionare in modo ottimale e potrebbe anche funzionare come mezzo per svezzare i pazienti da altri trattamenti farmaceutici più problematici.