Come la paura porta alla rabbia e cosa fare al riguardo

Fonte: rawpixel.com



Per un po 'di tempo, molte grandi menti hanno studiato i legami tra paura e rabbia e le conseguenze successive. Mentre queste due emozioni sono fortemente intrecciate l'una con l'altra, ci sono una miriade di profondità e strati che devono essere prima compresi prima di poter portare alla luce la relazione tra paura e rabbia e inferno; e, cosa più importante, sapere cosa fare al riguardo.



La paura è definita come 'un'emozione spiacevole spesso forte causata dall'anticipazione o dalla consapevolezza del pericolo' mentre la rabbia è descritta come 'un forte sentimento di dispiacere e di solito di antagonismo'. Uno dei collegamenti più evidenti tra queste due emozioni è la negatività intrinseca. Raramente le persone provano paura o rabbia durante i momenti piacevoli o piacevoli. Questi sentimenti negativi si manifestano quasi durante eventi stressanti, ostili o difficili. Inoltre, le persone che evocano paura o rabbia negli altri hanno più probabilità di essere viste in una luce negativa, invece che positiva.

  • Esplorare la relazione tra paura e rabbia

Cambiare ideaspiega che alcuni dei temi più comuni che collegano la paura e la rabbia sono il controllo, lo scopo, il conflitto e il rimpianto. Fondamentalmente, sia la paura che la rabbia sono radicate in sentimenti di controllo. Nella maggior parte dei casi, le persone che provano paura possono sentirsi come se avessero perso il controllo di una particolare situazione, circostanza o individuo. Il più delle volte, questa perdita di controllo può avere conseguenze devastanti o, per lo meno, creare disagio e incertezza, nessuno dei quali è utile per nessuno. Al contrario, la rabbia è, in molti casi, un mezzo per riprendere il controllo. Mentre un individuo pauroso può esitare a combattere contro la causa del proprio disagio, una persona arrabbiata può usare il proprio dispiacere e l'antagonismo per neutralizzare la fonte della propria paura.



Poi viene lo scopo. Nel bene e nel male, sia la paura che la rabbia hanno scopi unici. Mentre la paura spesso si manifesta per evitare situazioni che potrebbero portare alla morte di una persona, la rabbia spesso serve come forza motivante per vendicarsi contro qualcosa o qualcuno. Molte persone vedono la paura come una manifestazione di 'debolezza' mentre la rabbia è spesso percepita come 'forza'.

A seconda dell'impostazione e delle circostanze, le previsioni di cui sopra possono essere accurate, ma non sempre. Ci sono alcuni scenari in cui la paura è appropriata, così come ci sono occasioni in cui la rabbia (e incanalare detta rabbia allo scopo di sottomettere una terribile minaccia) può determinare la differenza tra sperimentare la vittoria e affrontare la sconfitta.

Analogamente al controllo e allo scopo, il conflitto è un altro fattore sottostante che spesso genera paura, rabbia o entrambe. Il conflitto è particolarmente comune e può verificarsi a vari livelli in circostanze diverse. Argomenti verbali e confronti fisici sono alcune delle forme più comuni di conflitto. Entrambe queste cose possono portare a paura e rabbia. Le minacce possono essere fatte di rabbia, paura o entrambe. Allo stesso modo, qualcuno che riceve una minaccia può provare paura e rabbia. In conflitto, le risposte più frequenti sono lotta, fuga o congelamento.



Generalmente, il combattimento viene fatto per rabbia, mentre il combattimento o il congelamento sono reazioni istintive e basate sulla paura. A livello di base, è difficile determinare se la paura o la rabbia siano più appropriate o meno durante il conflitto. Ci sono tanti fattori e variabili che entrano in gioco. Non esistono due casi di conflitto esattamente uguali. Per questo motivo, ciascuno ha il compito di determinare come reagire in caso di conflitto.

Sebbene il rimpianto sia un collegamento comune tra paura e rabbia, questo particolare sentimento si verifica generalmente dopo il verificarsi di un incidente. Qualcuno potrebbe pentirsi di aver scagliato contro qualcuno a cui tenevano durante un episodio di rabbia. Al contrario, un altro individuo può pentirsi di aver avuto paura durante una determinata situazione; potrebbero anche desiderare che il loro comportamento fosse più aggressivo e assertivo. Sebbene il rimpianto possa essere una pillola piuttosto amara da ingoiare, non cambierà ciò che è già accaduto. Le persone dovrebbero stare molto attente a crogiolarsi nel rimpianto, visto che spesso fa più male che bene. Quando il rimpianto emerge, le persone dovrebbero considerare l'esperienza come una lezione appresa e portata avanti. Soffermarsi sugli eventi passati non fa mai bene.



Fonte: rawpixel.com

  • Superare paura e rabbia

La paura e la rabbia non sono emozioni problematiche, in sé e per sé. Tuttavia, il modo in cui alcune persone scelgono di gestire queste emozioni è ciò che a volte diventa problematico. La paura alla fine genera rabbia dall'innato istinto umano di autodifesa. Quando qualcuno si sente minacciato, può inizialmente temere la possibile validità della minaccia emessa e il conseguente danno che potrebbe derivarne. Tuttavia, in molti scenari, la rabbia può seguire o addirittura annullare la paura. Qualcuno potrebbe passare dal pensare 'oh mio Dio, cosa succede ora' a 'come osa questa persona mi ha minacciato ?! Non sanno chi sono?

Nove volte su dieci, non sono la paura o la rabbia che portano alla battuta d'arresto o alla morte di un individuo, ma i suoi prossimi passi. Un dipendente licenziato può avere paura di come guadagnerà l'affitto ora che è senza lavoro. Questa paura è relativamente normale, così come la rabbia che probabilmente seguirà. Tuttavia, se il suddetto dipendente decide di aggredire fisicamente il proprio capo o di distruggere proprietà a causa della sua rabbia, è probabile che si trovino ad affrontare problemi legali oltre ai loro problemi finanziari. Al contrario, se il dipendente licenziato decide di cercare lavoro altrove e di lasciare il suo attuale luogo di lavoro, alla fine la rabbia si placherà senza generare una serie di complicazioni aggiuntive.

come inviare un'email al professore sulla salute mentale

Superare la paura

Ad alcuni livelli, la paura è scritta nella nostra coscienza come mezzo di autoconservazione ed evitare il pericolo. Alcuni esempi comuni di questo sono l'avversione a giocare nel traffico, mettere una mano su un occhio di stufa calda o infilare una forchetta in una presa elettrica. Tuttavia, ci sono molti casi in cui la paura agisce contro le persone e impedisce di intraprendere le azioni necessarie. Questo è ciò che spesso porta alla rabbia che di solito genera conseguenze orribili.



Per fortuna, ci sono una serie di passaggi che possono essere presi per superare la paura.Imprenditoreconsiglia alle persone di 'ricablare' letteralmente il loro cervello impegnandosi in pensieri positivi e discorsi interiori. Alcuni scettici potrebbero considerare questo particolare suggerimento come una sciocchezza new age, ma fa davvero una differenza significativa. Che tu ci creda o no, le cose che comunemente diciamo a noi stessi vengono interiorizzate. Di conseguenza influiscono sui nostri pensieri, convinzioni e azioni. Pertanto, un individuo che dice costantemente 'Non posso farlo', 'Sono terribile in XYZ' alla fine inizierà a credere a queste affermazioni, indipendentemente da quanto possano essere fuorvianti.

Pertanto, le affermazioni positive dovrebbero essere utilizzate per 'ricablare' il cervello e sradicare tutti i semi negativi del dubbio che sono stati piantati. Questo processo può essere semplice come svegliarsi la mattina e dire a te stesso 'Sono forte. Sono brillante. Sono capace. All'inizio, questo può sembrare imbarazzante, scomodo o inutile, ma alla fine questi pensieri sostituiranno le convinzioni negative e interiorizzate in precedenza. La fiducia in se stessi fa la differenza nel mondo ed è un'arma straordinaria da impugnare contro la paura.

Un altro ottimo modo per superare la paura si presenta sotto forma di avere un piano. Anche pensare alle cose, sperare per il meglio mentre ci si prepara al peggio, e avere sempre le proprie basi coperte fa un'enorme differenza. In molti casi, la paura si verifica a causa di una mancanza di preparazione o di altre situazioni che avrebbero potuto essere prevenute. Naturalmente, essere proattivi, fare scelte sagge e seguire il proprio istinto può anche tornare utile nella ricerca di controllare la paura o addirittura evitare del tutto situazioni che inducono paura.

Fonte: rawpixel.com

Superare la rabbia

La capacità di gestire e superare la rabbia è un'impresa con cui lottano molte persone di tutte le età. La rabbia è un'emozione intrinsecamente intensa che genera reazioni molto forti. A peggiorare le cose, altre emozioni, eventi precedenti e molti altri fattori possono influire sui gradi di rabbia che le persone sperimentano e, ancora di più, sul modo in cui rispondono alla fonte della loro rabbia. Sebbene la rabbia in sé e per sé sia ​​un'emozione umana naturale, le parole o le azioni che seguono la rabbia possono essere devastanti nelle giuste circostanze. Per questi motivi, la capacità di superare la rabbia è fondamentale. Per fortuna,Mayo Cliniccontiene alcuni suggerimenti utili che praticamente tutti possono utilizzare prima o poi.

Prima di tutto viene il pensiero prima di parlare o agire. Così tante persone commettono l'errore di mormorare durante gli attacchi di rabbia o di fare cose di cui in seguito si pentiranno. Questo raramente fa bene. Anche allontanarsi da certe situazioni e allontanarsi dalla fonte della rabbia sono modi utili per superare la rabbia e non impegnarsi in comportamenti di cui ci si pentirà in un secondo momento.

Un'ultima parola

Ti senti come se la paura e la rabbia avessero preso il controllo della tua vita? Ti senti costantemente spaventato o infuriato per varie circostanze o persone? Sebbene la paura e la rabbia siano emozioni naturali, viverle su base abituale può essere indicativa di problemi profondi che devono essere affrontati.

test della personalità che crea dipendenza

Fonte: barksdale.af.mil

Qui aBetterHelp, siamo orgogliosi di fornire assistenza e guida di livello mondiale a coloro che ci contattano. Riconosciamo che la vita può essere difficile, ma nessuno merita di sentirsi solo. Sebbene i vantaggi di parlare con un consulente o un terapista siano ben documentati, la scelta in definitiva spetta a te. Sappilo e bastaBetterHelpsarà sempre un'opzione a portata di clic.

Puoi contattarci in qualsiasi momento cliccando qui.