Guarigione per i versetti della Bibbia spaccati sulla solitudine

La solitudine è un'emozione complicata, difficile da esprimere a parole in quanto comprende tante altre emozioni. E le situazioni o gli eventi che innescano la solitudine sono altrettanto diversi e complicati. E a volte, potremmo persino sentirci soli senza alcuna ragione apparente. Possiamo sentirci soli anche tra gli altri: in ufficio, al bar all'angolo o a una festa affollata.



Fonte: pexels.com



Dove girare

Non importa dove colpisce o che forma assume, la solitudine fa male. È forse una delle emozioni più dolorose che possiamo mai provare. Potresti sentirti solo e senza speranza, ma non sei mai senza speranza. In effetti, un libro che probabilmente possiedi già ha molto da dire sulla solitudine. Quel libro è la Bibbia.

Le Scritture sulla solitudine sono numerose e coprono un'ampia gamma di esperienze. I versetti biblici sulla solitudine danno speranza per problemi specifici che riguardano l'abbandono, il rifiuto, il dolore, il conflitto e quasi ogni altra situazione della vita che può scatenare questi sentimenti. Esempi di solitudine nella Bibbia mostrano che fu vissuta da Mosè, dal re Davide e specialmente da Gesù stesso. Soprattutto, questi versetti mostrano che Dio stesso comprende intimamente cosa vuol dire sentirsi soli e che anche quando ti senti più solo, non lo sei mai veramente. Ecco cosa dice la Bibbia sulla solitudine in varie situazioni.



Abbandono

A volte amici o familiari possono deluderci, abbandonandoci nel momento in cui abbiamo più bisogno di loro. Nessuno lo capì meglio di Joshua.

Joshua, l'eroe dell'Antico Testamento meglio conosciuto per la sua conquista di Gerico, iniziò come la mano destra di Mosè. Mosè aveva condotto gli ebrei fuori dalla schiavitù in Egitto, ma quando morì, lasciando al comando Giosuè, gli ebrei erano ancora persi nel deserto sulla strada per la terra promessa.



Gli ebrei spesso si ribellavano alla guida e Giosuè, come Mosè prima di lui, spesso si sentiva solo e scoraggiato, in particolare dopo la morte del suo amico e insegnante. Ma Dio stesso lo ha incoraggiato con queste parole: «Nessun uomo potrà starti davanti per tutti i giorni della tua vita. Proprio come ero con Mosè, così sarò con te. Non ti lascerò né ti abbandonerò ». -Giosuè 1: 5.

Un'altra figura biblica che comprendeva la solitudine dell'abbandono era Paolo. Paolo è stato uno dei primi evangelisti nel Nuovo Testamento. Ha lavorato per diffondere il Vangelo tra gli ebrei, che vedevano i primi cristiani come eretici, e tra i gentili che vedevano i primi cristiani solo come la più piccola e più recente di una serie di religioni concorrenti.

Mentre Paolo combatteva la persecuzione per diffondere il Vangelo, scoprì che i suoi amici lo abbandonavano quando aveva bisogno del loro aiuto. Ma è rimasto forte: 'Nessuno mi è stato accanto la prima volta che mi sono difeso; tutti mi hanno abbandonato. & hellip; Ma il Signore è rimasto con me e mi ha dato forza. ' -2 Timoteo 4:16



E le ultime parole di Gesù ai suoi discepoli quando ascese al cielo ci ricordano che non possiamo mai essere veramente abbandonati, non importa come ci sentiamo:

1103 numero angelico

'Ed ecco, io sono con te sempre, fino alla fine del mondo.'- Matteo 28:20



Fonte: rawpixel.com



Rifiuto

L'esperienza del rifiuto può provocare profondi sentimenti di solitudine, persino inutilità. Questo è ancora più toccante se un genitore ci rifiuta. Ma la Bibbia offre conforto anche per questa situazione in uno dei salmi. I Salmi sono una raccolta di poesie scritte da e sul re Davide. Il re Davide era uno dei grandi re di Israele e molti dei salmi sono lodi a Dio. Tuttavia, il re Davide era anche una figura molto imperfetta, quindi molti dei salmi affrontano emozioni molto più difficili. Nel Salmo 38 scrive: 'I miei amici e compagni stanno in disparte dalla mia piaga, e il mio parente più prossimo è lontano. '



A volte, quando stiamo lottando, chiediamo sostegno ad amici e familiari. Anche se non riusciamo a trovare il sostegno di cui abbiamo bisogno da coloro che ci circondano, Dio è lì per sostenerci.

'Anche se mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, il SIGNORE mi accoglierà. -Salmo 27:10

Allora cosa facciamo quando ci sentiamo in questo modo? Il profeta Samuele ricordò al popolo d'Israele che Dio non li avrebbe mai rigettati, anche se l'avessero fatto tutti gli altri. Samuele era un profeta e la maggior parte dei profeti della Bibbia vive una vita itinerante e indigente. Samuel, tuttavia, è rimasto forte.

'Per amore del suo grande nome l'Eterno non rigetterà il suo popolo, perché l'Eterno si è compiaciuto di farti suo.'-1 Samuele 12:22

Questi versetti sono un grande promemoria che anche quando coloro che ci sono più vicini e cari ci rifiutano, non siamo ancora soli. Dio ci ama veramente come il miglior tipo di genitore, incondizionatamente.

Conflitto e avversità

Combattimenti, discussioni e controversie di qualsiasi tipo possono isolare. Mettono distanza tra amici, colleghi, membri della famiglia e altri a cui teniamo. Ancora più solitari sono alcuni dei conflitti interni che affrontiamo, mentre combattiamo malattie mentali, dipendenza e ricordi dolorosi. Alle prese con i demoni interiori può farci sentire molto soli. Il Deuteronomio si occupa spesso di sentimenti di conflitto e avversità.

Il Deuteronomio è attribuito a Mosè durante il periodo dell'esilio. Questo segue il periodo dell'Esodo in cui Mosè condusse gli ebrei fuori dalla schiavitù in Egitto. Tuttavia, poiché voltarono le spalle a Dio, furono fatti vagare nel deserto per quarant'anni prima di raggiungere la terra promessa. Questo fu un periodo di tensione in cui gli ebrei incolpavano Mosè per averli guidati nel deserto e Mosè incolpava gli ebrei per aver perso la fede in Dio. Tuttavia, Mosè rimase un leader fedele, incoraggiando regolarmente gli ebrei a mostrare forza. In Deuteronomio 31: 6, Mosè dice agli Ebrei: 'Sii forte e coraggioso. Non aver paura né spavento a causa loro, perché l'Eterno, il tuo DIO, va con te; non ti lascerà mai né ti abbandonerà.'

Il libro dei Romani e molti altri delle epistole di San Paolo trattano di sentimenti simili. San Paolo a volte è chiamato 'l'ultimo apostolo'. San Paolo non ha mai incontrato Gesù di persona, ma credeva che fosse chiamato a diffondere il Vangelo ai Gentili. Di conseguenza, veniva spesso respinto dai Gentili che consideravano la sua religione strana ed esigente, e spesso veniva respinto dagli apostoli originali che ne mettevano in dubbio l'autorità, le intenzioni e gli insegnamenti. San Paolo ha spesso affrontato questi sentimenti ma ha continuato a fare affidamento sulla sua fede in Dio come fonte di forza. In Romani 38-39, San Paolo chiarisce che indipendentemente dal tipo di conflitto che affrontiamo, Dio è dalla nostra parte:

'Poiché sono convinto che né la morte né la vita, né gli angeli né i demoni, né il presente né il futuro, né alcun potere, né altezza né profondità, né qualsiasi altra cosa in tutta la creazione, potranno separarci dall'amore di Dio che è in Cristo Gesù nostro Signore ”.

Fonte: pexels.com

Dolore e perdita

La perdita di una persona cara lascia un enorme buco nella nostra vita e provoca la solitudine come nessun altro.

La perdita di un genitore o di un coniuge è così dolorosa che la Bibbia contiene alcuni versetti che affrontano direttamente la solitudine degli orfani e delle vedove e, per estensione, dei vedovi.

Nel Salmo 68: 5-6, Il re Davide scrive: 'Un padre per gli orfani, un difensore delle vedove, è Dio nella sua santa dimora. Dio pone i soli nelle famiglie, conduce fuori i prigionieri con il canto; ma i ribelli vivono in una terra arsa dal sole ».

I Salmi affrontano anche i riflessi della nostra mortalità che possiamo provare dopo la perdita di una persona cara, come nel Salmo 23: 4 quando il re Davide scrive: 'Anche se cammino attraverso la valle dell'ombra della morte, non temerò alcun male, perché tu sei con me; la tua verga e il tuo bastone mi confortano.

Con qualsiasi perdita, Dio fornisce il massimo comfort. In 2 Corinzi 1: 3-4, San Paolo scrive: 'Benedetto sia l'Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre di misericordia e Dio di ogni conforto, che ci consola in tutte le nostre afflizioni, affinché possiamo confortare coloro che sono in qualsiasi afflizione, con il conforto con cui noi stessi siamo confortati da Dio '.

Transizioni di vita

Un nuovo lavoro. Una nuova città. Bambini che escono e lasciano il nido. Invecchiando. Tutte queste transizioni sono una parte naturale della vita, ma possono farci sentire privi di coloro su cui facevamo affidamento e quindi profondamente soli.

Geremia, un altro profeta dell'Antico Testamento, ci assicura che Dio è sempre presente in queste transizioni. In 29:11 scrive, 'Poiché conosco i progetti che ho per te, dichiara il Signore, i piani per il benessere e non per il male, per darti un futuro e una speranza.'

In Giosuè 1: 9, Dio ricorda a Giosuè la sua presenza durante le transizioni spaventose e difficili, dicendo: 'Non ti ho comandato? Sii forte e coraggioso. Non spaventarti e non sgomentarti, perché il Signore tuo Dio è con te dovunque vai.'

E un promemoria simile si trova in Isaia 43: 1-4 recita: 'Quando attraverserai le acque, io sarò con te; e attraverso i fiumi non ti travolgeranno; quando camminerai attraverso il fuoco non sarai bruciato e la fiamma non ti consumerà. Poiché io sono il Signore tuo Dio, il Santo d'Israele, il tuo Salvatore.'

Salomone, un altro re d'Israele dell'Antico Testamento, era noto per la sua saggezza. Si legge l'apertura del terzo capitolo del libro dell'Ecclesiaste, comunemente attribuito a lui 'Per ogni cosa c'è una stagione e un tempo per ogni scopo sotto il cielo. Un tempo per vivere e un tempo per morire, un tempo per piantare e un tempo per seminare.

Paura per il futuro

Non c'è niente di più solitario di quelle ore nel cuore della notte in cui restiamo svegli preoccupati per il domani. Potremmo avere paura dello stato delle nostre finanze, della nostra salute, del benessere dei nostri figli. E le nostre paure ci fanno sentire molto soli. Ma la Bibbia offre conforto per quelle ore buie.

Il profeta Isaia dell'Antico Testamento scrive: 'Non temere, perché io sono con te; non sgomentarti, perché io sono il tuo Dio; Ti rafforzerò, ti aiuterò, ti sosterrò con la mia giusta destra ' (Isaia 41:10).

San Paolo, nella sua lettera ai Filippesi, scrive 'Non preoccuparti di nulla, ma in ogni cosa fai conoscere a Dio le tue richieste con la preghiera e la supplica con ringraziamento. E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù ”(Filippesi 4: 6-7).

Questi versetti riflettono l'intimità e l'onnipresenza di Dio. San Pietro, uno dei capi della chiesa primitiva, raccomanda di gettare su di Lui 'tutte le vostre ansie, perché Egli si prende cura di voi' (1 Pietro 5: 7).

C'è anche il fatto che preoccuparsi del futuro raramente ci aiuta a prosperare quando il futuro ci raggiunge. Come dice Gesù alla fine del capitolo 6 di Matteo: 'Non preoccuparti per il domani, perché il domani sarà ansioso per se stesso. Lascia che i problemi della giornata siano sufficienti per la giornata.

Fonte: unsplash.com

Gesù: l'ultimo esempio di solitudine

Dio stesso, nella persona di Gesù, ha sperimentato la solitudine in tutte le sue forme più dolorose. Ma invece di evitarlo, ha cercato la solitudine e la desolazione, anche se chi lo circondava spesso resistette ai suoi sforzi.

In molti casi nei vangeli, Gesù sembra esausto dal suo ministero. Lo scrittore gospel Mathew lo registra '...si ritirò da lì su una barca in un luogo desolato da solo. Ma quando la folla lo udì, lo seguirono a piedi dalle città ' (Matteo 14:13).

Gesù conosceva bene il dolore dell'abbandono e del rifiuto da parte di coloro che gli erano più vicini. Ma ci ha anche dato un esempio di come superare quel dolore. In Giovanni 16:32, Gesù dice ai suoi apostoli: 'Ecco, l'ora viene, anzi è giunta, in cui sarete dispersi, ciascuno nella propria casa, e mi lascerete solo. Eppure non sono solo, perché il Padre è con me ”.

Ma il momento più doloroso per Gesù e quello in cui tutti possiamo relazionarci è stato quando sentì che persino Dio lo aveva lasciato solo quando stava morendo sulla croce. Lo scrittore gospel Mathew registra che 'Verso l'ora nona Gesù gridò ad alta voce, dicendo: 'Eli, Eli, lema sabachthani?' cioè: 'Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?''(Matteo 27:46).

Potremmo usare queste parole come prova definitiva che persino Gesù era disperato in tempi di solitudine. Tuttavia, questa non è la fine della storia.

Gli studiosi della Bibbia sanno che Gesù stava semplicemente citando l'inizio del Salmo 22. Come altri Salmi, questo inizia con la disperazione ma finisce con una nota di trionfo: 'I posteri lo serviranno; alle generazioni future verrà parlato del Signore. Proclameranno la sua giustizia, dichiarando a un popolo non ancora nato: l'ha fatto!'Gesù sapeva che quei momenti di estrema solitudine e dolore sulla croce avrebbero portato alla vittoria. La solitudine era necessaria per raggiungere un fine più grande, vale a dire la sua risurrezione, ascensione e la diffusione del messaggio evangelico.

Se sei in una stagione di solitudine, riponi la tua fiducia in Dio. A volte i nostri tempi più solitari sono un necessario rito di passaggio alle stagioni della ricompensa e della vittoria che ha in serbo per noi.

Domande frequenti (FAQ)

Qual è un buon versetto della Bibbia per la solitudine?

Un buon versetto biblico sulla solitudine è Deuteronomio 31: 6. Ti fa sapere che dovresti essere coraggioso e sapere che non sei solo, poiché il Signore Dio è sempre con te. Ci sono anche altri versetti biblici incoraggianti che includono Salmi 23: 4 che affermano: “Sì, anche se cammino attraverso la valle dell'ombra della morte, non temerò alcun male: poiché tu sei con me; la tua verga e il tuo bastone mi confortano. ' Ci sono versetti in tutta la Bibbia che possono offrirti conforto e farti sapere che Dio è fedele ed è lì per coloro che hanno bisogno di lui e credono in lui. Ti darà riposo e veglierà sui cuori spezzati e fascia le loro ferite. È anche con te quando affronti persecuzioni o carestie, che possono essere situazioni gravi.

A Dio importa che io sia solo?

Sì, ci sono prove in tutta la parola di Dio che ti fanno sapere che a Dio importa se sei solo. Quando si parla di solitudine, la Bibbia ha molti versetti che possono offrire conforto nei momenti di bisogno. Uno di questi è Matteo 11:28, dove Gesù Cristo afferma che 'ti darà riposo' se sei 'modesto di cuore'. Puoi anche vedere Isaia 43: 2, dove anche quando 'passi attraverso le acque', non sarai solo. Dio non ti lascerà, non ti abbandonerà e si preoccuperà che tu sia solo. Ogni credente dovrebbe sapere che Dio e Cristo Gesù vogliono che sappiano che non sono soli al mondo e che trovino conforto nel saperlo. Quando ti senti solitario, potresti voler controllare un verso del giorno per aiutarti a mantenere alto il morale. In altre parole, quando si tratta di solitudine, i versetti biblici possono aiutarti a sentirti meglio riguardo alla tua situazione.

Cosa dicono i Salmi 46?

L'idea principale affermata nei Salmi 46 è che Dio è sempre con te. Anche quando i tempi sono duri, o per carestia o nudità, potrai contare su Gesù Cristo, Dio e lo spirito santo. Potrebbero essere in grado di farti attraversare momenti che sembrano insormontabili. Questo è menzionato anche in altri versetti biblici, scritture bibliche o come vuoi chiamarli. Un altro è Matteo 28:16, dove Cristo Gesù dice come sta insegnando loro a osservare le leggi, in modo che tu sia protetto in ogni momento. In questo modo saprai che il Signore Dio non ti lascerà e non ti abbandonerà. Quando dice che sta insegnando loro a osservare leggi o comandamenti, queste sono essenzialmente le regole secondo le quali il Signore tuo Dio vuole che tu viva.

Cosa dice la Bibbia sulla comunità?

Ci sono casi in cui la comunità è discussa nella Bibbia, come in Romani 12. Ti viene chiesto di lavorare insieme ad altri in modo equo e di non pensare di essere migliore di qualcun altro. L'amore per il denaro è considerato malvagio, quindi fai del tuo meglio per non desiderare cose in questo mondo. A volte è citato erroneamente e la gente dice che il denaro è la radice di tutti i mali, ma è davvero l'amore per il denaro che lo è. Invece, puoi lavorare con gli altri per portare a termine le cose e quando hai bisogno di supporto o aiuto. Se prendi parte allo studio della Bibbia con altri, ad esempio, potresti trovare persone interessate alle tue stesse cose, come l'amore reciproco di Cristo, e fare amicizia con loro. Questo è un senso di comunità.

Qual è la causa della solitudine?

Ci sono alcuni motivi per cui potresti sentirti solo. Uno è che non hai nessuno con cui parlare o uscire e vuoi passare del tempo con qualcuno. Un altro motivo potrebbe essere perché ti sei trasferito di recente o hai apportato un grande cambiamento di vita e ora sei isolato dalle persone a cui tieni. Non importa il motivo per cui ti senti solo, dovresti fare del tuo meglio per raggiungere le persone a cui tieni e mantenerti in contatto con loro. Ricorda che è con te durante la fame o la nudità, quindi sarà con te mentre attraversi la solitudine.

Cosa fare quando ti senti solo?

Quando ti senti solo, potresti voler chiamare i tuoi cari e parlare con loro. Potresti essere in grado di organizzare un appuntamento per un caffè o un incontro, in modo da poter vedere le persone che significano qualcosa per te. Puoi anche contattarli sui social media, se questa è l'unica opzione. Puoi anche cercare un supporto professionale attraverso l'uso di un terapista, se vuoi parlare della tua solitudine e di come rimediare alla situazione. Inoltre, potresti dare un'occhiata ai versetti biblici, ai siti web biblici o ai tipi di studio biblico, se questo è qualcosa che ti interessa. Ricorda che la Bibbia dice che ti darà riposo, guarirà i cuori spezzati e fascia le loro ferite, il che significa che puoi essere sano.

Cosa dice la Bibbia sulla restituzione alla comunità?

La Bibbia vuole che tu restituisca alla tua comunità e aiuti gli altri che hanno bisogno di aiuto. Ad esempio, nel Salmo 68 si afferma che egli conduce fuori i prigionieri e quelli che hanno le catene, quindi anche le persone che sono state in schiavitù o in prigione dovrebbero essere curate. Non vuole che nessuno sia solo quando si tratta di subire persecuzioni o carestie. Quando attraversi le acque e provi l'amore di Cristo, dovresti sapere che fai parte di qualcosa di più grande. Allo stesso tempo, dovrai continuare a leggere versetti biblici, lezioni bibliche e continuare a essere una brava persona.

Cosa disse Gesù al ricco?

il significato del numero 15

In Matteo 19, Gesù Cristo parlò al ricco dei comandamenti che doveva seguire per seguire Cristo. Potresti avere familiarità con i 10 comandamenti, che includono non mentire, uccidere, onorare mio padre e mia madre e non avere altri dei. Gli disse anche che avrebbe dovuto vendere i suoi averi se voleva seguirlo. L'uomo non era disposto a fare questi cambiamenti, quindi Cristo Gesù ha successivamente spiegato che è difficile per un uomo ricco entrare in paradiso. Uno dei motivi è che l'amore per il denaro è considerato la radice di tutti i mali.

Trovare aiuto

La Bibbia può essere una grande fonte di guida e conforto. Sebbene la Bibbia contenga molti insegnamenti importanti, anche avere l'aiuto di un'altra persona che comprende problemi mentali specifici e ha aiutato le persone in passato può essere utile.

Un'opzione è cercare aiuto da un terapista o consulente online. Attraverso piattaforme come BetterHelp, puoi incontrare un consulente professionista autorizzato su Internet per un rapporto più flessibile e più conveniente rispetto all'incontro con un consulente o un terapista di persona. Considera le seguenti recensioni di utenti BetterHelp che riscontrano problemi simili.

Recensioni del consulente

'Quando penso a tutte le qualità di un buon consigliere, devo dire che il dottor Counts è uno che consiglio vivamente. La mia fede in Dio mi guida e il dottor Counts mi ha fornito un buon orecchio e consigli. Non solo il dottor Counts è compassionevole e un ascoltatore meraviglioso, ma lo raccomando con tutto il cuore e sono sicuro che mi ha dato gli strumenti per affrontare con successo uno dei periodi più difficili della mia vita. '

'Kimberley è stata compassionevole, disponibile e istruttiva. Mi sono sentito subito meglio emotivamente dopo aver ricevuto un sostegno così straordinario. Mi piace che sia aperta a parlare di aspetti della mia esperienza di fede, buoni e cattivi. Lascio sempre le nostre sessioni sentendomi ascoltato e supportato. '

Conclusione

A volte tutti si sentono soli, e va bene fintanto che capisci come gestire le tue emozioni in modo sano e costruttivo.


Si spera che alcuni dei passi delle Scritture sopra riportati ti aiuteranno nel tuo cammino. Se hai bisogno di ulteriore aiuto, tuttavia, contatta un terapista presso BetterHelp. Prendi il primo passo lontano dalla solitudine oggi.