Come calmare la tua donna arrabbiata interiore

L'ira delle donne è spesso fonte di derisione. Le donne arrabbiate sono spesso stereotipate come ingrate, fastidiose e sgradevoli, mentre gli uomini sono spesso incoraggiati o almeno supportati nel sentire ed esprimere rabbia. Sfortunatamente, questo può spesso creare un circolo vizioso nelle donne, in cui la rabbia viene avvertita ma repressa per continuare ad apparire femminile o calma, portando a più rabbia e risentimento. Senza un modo sano per calmare, esprimere e utilizzare la propria rabbia, le donne possono cadere in questa trappola rapidamente e facilmente e, di conseguenza, provare ansia, paura e frustrazione.



dura una relazione di rimbalzo

Fonte: rawpixel.com



La rabbia del meccanismo

La rabbia è un'emozione di base che si presenta sia negli uomini che nelle donne. Sebbene gli uomini siano tipicamente associati alla rabbia molto più delle donne, questa non è necessariamente una compulsione biologica; invece, alcuni psicologi hanno sostenuto che la rabbia è più prontamente supportata nei maschi dalla società, e le donne che esprimono rabbia vengono derise e messe da parte. Questo condizionamento inizia durante l'infanzia, poiché le bambine sono incoraggiate a essere tranquille, accettare e mansuete, mentre i bambini piccoli sono incoraggiati a utilizzare l'aggressività e gli alterchi fisici per esprimersi. Sebbene nessuno di questi sia salutare, forse non è così comune per gli uomini riconoscere un problema con i sentimenti e l'espressione della rabbia. Invece, di solito sono le donne che riconoscono che qualcosa non va nel loro rapporto con la rabbia, anche se potrebbero non sapere esattamente cosa farne.

Nonostante ciò, la rabbia ha uno scopo. La rabbia può incoraggiare le persone a intraprendere un'azione: qualcuno che decide di donare a un rifugio per animali in seguito all'indignazione provata dopo aver visto un annuncio sugli abusi sugli animali, per esempio. La rabbia può rivelare un trauma non guarito o provocare problemi a qualcuno che prova rabbia irrazionale quando un genitore elogia un fratello per un risultato ottenuto perché non è mai stato incoraggiato, a sua volta. La rabbia è uno strumento potente e può fornire una visione immensa del tuo dolore e dei tuoi bisogni.



Quando si prova rabbia, ci sono molte reazioni in cui uomini e donne possono impegnarsi. La reazione più sana è essere assertivi; l'affermazione ti consente di combattere per te stesso (o per gli altri) in un modo che non è solo rispettoso della persona o delle persone con cui sei arrabbiato, ma anche rispettoso di te e dei tuoi bisogni individuali. Affermare la tua posizione, sia che si tratti di indignazione, paura o preoccupazione, ti consente di abbracciare la tua rabbia in modo utile e produttivo.

Rabbia, donne e aspettative

Ci si aspetta che le donne siano le nutrici, le gentili o le pacificatrici. Le donne di solito non sono elogiate o incoraggiate per la loro capacità di incitare al cambiamento o di guidare, ma sono invece viste come casalinghe e in qualche modo 'meno' delle loro controparti maschili. La rabbia rientra spesso in questa equazione, poiché la rabbia è vista come un tratto maschile e disgustoso nelle donne. La rabbia degli uomini può promuovere un grande cambiamento e ispirare la paura, mentre la rabbia di una donna viene solitamente derisa e rimproverata perché non necessaria, eccessiva o irragionevole.

Purtroppo, molti di questi problemi derivano dal condizionamento sociale di uomini e donne; piuttosto che gli uomini che guidano un'accusa contro la rabbia delle donne, le donne stesse spesso si sentono a disagio, mascoline o in disaccordo quando provano persino rabbia, per non parlare di esprimerla. Dato che questo è il caso, calmare la tua donna arrabbiata interiore richiede molto più di un paio di bagnoschiuma e un bicchiere di vino, nonostante i tanti consigli di 'cura di sé' che ti vorrebbero far credere.



Imparare ad abbracciare la rabbia

Fonte: rawpixel.com

Il primo passo per calmare le tue donne arrabbiate interiori è imparare ad abbracciare la tua rabbia. Quando la rabbia viene repressa, ignorata o allontanata, il risentimento si infiamma e dà origine a ulteriori attacchi di rabbia, che vengono poi repressi, e questo ciclo continua fino a quando la rabbia diventa uno stile di vita. Le donne che sono cadute in questo ciclo spesso si trovano sempre più critiche, dure e chiuse, poiché un intero aspetto della loro vita emotiva viene spento e messo da parte.



l'amore non è perfetto

La rabbia è qui per restare. Non importa quanto sereno tu possa coltivare l'ambiente circostante o le amicizie, o quanto duramente potresti lavorare per assicurarti che tutta la tua vita proceda senza intoppi, non puoi fingere che la rabbia non esista. Imparare ad abbracciare la rabbia come amico e collega può rivelarsi estremamente utile per sviluppare legami forti e sani con la tua rabbia, con una maggiore capacità di usare efficacemente la tua frustrazione.

Imparare ad abbracciare la rabbia significa non sopprimerla o ignorarla, ma permettere al tuo corpo di sentire la scarica di adrenalina che provoca la rabbia e permettere che l'esperienza della rabbia ti travolga. Arrossire, balbettare, tremare, sudare e capogiri possono accompagnare la rabbia. Può essere causato da ingiustizia, frustrazione, impotenza e qualsiasi numero di offese, reali o immaginarie. Parte dell'abbracciare la tua rabbia significa appoggiarti alla rabbia e permettere a te stesso di determinare cosa ti ha fatto arrabbiare in primo luogo, e tracciare le tue emozioni da lì. In questo modo potrai sviluppare una relazione più sana con te stesso e una relazione più sana con la tua rabbia.

Sane espressioni di rabbia

Una sana espressione di rabbia implica il riconoscimento della rabbia, l'identificazione della sua causa e il permettere a te stesso di parlare o comportarti in un modo che riconosca e onori i tuoi sentimenti. Il modo in cui esprimi la tua rabbia dipenderà dalla sua fonte e dal tuo rapporto con essa.

Ad esempio, provare rabbia nei confronti di uno sconosciuto o di un oggetto inanimato creerà un diverso tipo di rabbia rispetto a se un caro amico o una persona cara è la fonte della tua ira. Per un estraneo o un oggetto, potresti prima riconoscere la tua rabbia, identificare la sua causa e procedere a parlare di te stesso, identificando se la situazione richiede o meno di parlare o gridare. Quando hai un ampio controllo e comfort, puoi parlare per esprimere la tua rabbia, oppure puoi aiutare te stesso a razionalizzare la tua esperienza e andare avanti.

Provare rabbia in una situazione controversa o con qualcuno a cui sei vicino, tramite emozione o vicinanza, può essere più difficile, poiché è più probabile che la rabbia sia estrema e più difficile da controllare. In queste situazioni, uno dei modi migliori per gestire e dirigere la tua rabbia potrebbe essere quello di farsi da parte per un momento per respirare e riflettere. Fare un respiro profondo può aiutare ad alleviare i sintomi fisici della rabbia mentre prenderti un momento per riflettere può aiutarti a determinare cosa esattamente deve essere detto e come dovresti dirlo per ottenere il massimo effetto.



Una donna: rabbia, guarigione e cambiamento

Nonostante le innumerevoli obiezioni della società, è estremamente importante cambiare la conversazione sulle donne e sulla rabbia. Sopprimere la rabbia non è solo un circolo vizioso; può avere un impatto negativo sulla tua salute, portando ad ansia e aumento dei livelli di stress, che hanno il potenziale per causare un effettivo disagio fisico ed emotivo. Imparare a gestire e dirigere la rabbia in modo sano può migliorare la tua salute e la tua comunicazione e potrebbe essere un catalizzatore per un cambiamento duraturo nella tua vita e nelle vite delle persone intorno a te.

La terapia può essere uno strumento utile per disimparare abitudini e schemi malsani riguardo alla rabbia, nonché per svilupparne di nuovi riguardanti i ruoli di genere e il modo in cui si relazionano (storicamente e attualmente) al `` problema '' della rabbia e come viene ricevuta in base al proprio genere. La terapia può anche aiutare a fornire strategie utili per esprimere la rabbia specifica per la tua personalità e le tue esigenze. La rabbia può suscitare paura nelle donne quando la sentono, ma non deve essere una fonte di stress o preoccupazione; la rabbia non è né intrinsecamente maschile né femminile e può (e dovrebbe) essere abbracciata, espressa e usata in modo sano da tutti i sessi.

Fonte: rawpixel.com

parola di saggezza vivente

Calmare la donna arrabbiata interiore

Calmare la tua donna arrabbiata interiore è un processo in più fasi, reso più complicato da innumerevoli anni di condizionamento. Il primo passo in questo processo è semplicemente accettare te stesso. Accetta il fatto che proverai rabbia, che a volte potrebbe avere la meglio su di te, e questova bene; semplicemente soffocare la tua rabbia peggiorerà le cose. Fare respiri profondi e uniformi può aiutare in questo processo, poiché può centrare sia la mente che il corpo e consentirti di identificare più accuratamente le aree che sono sconvolte, nervose o interrotte.

Dopo aver fatto un respiro profondo, prenditi un momento per chiederti perché sei arrabbiato. Ti senti minacciato o impotente? Sei sopraffatto da tutte le responsabilità riposte sulle tue spalle? Qualcuno ti ha insultato, ignorato o preso in giro? Tutti questi (e altri) sono motivi perfettamente ragionevoli per provare rabbia e non dovrebbero essere messi da parte in quanto stupidi o drammatici. Invece, dovresti trovare la fonte della tua rabbia e determinare se vale la pena parlare con la persona o la cosa responsabile.

Anche l'esecuzione di routine del 'mantenimento della rabbia' può rivelarsi utile. Un'alimentazione sana, un regolare esercizio fisico e la meditazione quotidiana possono tutti migliorare la rabbia e le risposte allo stress, che possono consentirti di riconoscere, canalizzare in modo più efficace e utilizzare la tua rabbia. Sebbene le donne arrabbiate siano state a lungo insultate, la tua donna arrabbiata interiore merita di godere di un ambiente calmo e sicuro in cui la rabbia è considerata uno strumento, piuttosto che un ospite sgradito.