Chi era Jean Piaget? Psicologia e impatto della teoria cognitiva

Jean Piaget era uno psicologo dello sviluppo che ha inventato la popolare teoria dello sviluppo che si concentra sulle fasi di sviluppo mentale dei bambini. Responsabile dello sviluppo di un campo di studio completamente nuovo, il lavoro di Piaget è una pietra angolare della psicologia infantile. Il suo lavoro ha permesso ai terapisti professionisti di comprendere meglio e aiutare i bambini a percorrere le varie fasi.

Jean Piaget: una breve storia



Nato nel 1896 in Svizzera, Piaget iniziò a scrivere brevi articoli scientifici quando era solo un ragazzo. Quando Piaget era un adolescente, il suo lavoro sui molluschi aveva una copertura enorme ei lettori del suo lavoro lo consideravano un esperto.



Mantenendo questo interesse per gli animali, Piaget ha studiato zoologia dopo il liceo e ha conseguito il dottorato di ricerca. nel 1918. Nello stesso anno iniziò a studiare psicologia. Allontanandosi dai molluschi e da altre creature, Piaget finì per sviluppare un grande interesse per la psicoanalisi.

Mentre lavorava con Theodore Simon, iniziò a valutare i risultati di uno dei test di Simon. Gli esperimenti di Simon erano stati sviluppati per misurare l'intelligenza di un bambino confrontando gli errori commessi da un bambino con la sua età. È da quello studio che ha sviluppato un interesse per il modo in cui un bambino impara.



Fonte: commons.wikimedia.org

Jean Piaget: influenza psicologica



psicologia della memoria secondaria

Secondo la psicologia di Jean Piaget, l'intelligenza di un bambino non è fissa. Piaget sostiene che lo sviluppo del bambino è un processo che risulta dalla maturazione biologica e dall'interazione di un bambino con l'ambiente. La sua teoria si concentra sullo sviluppo del bambino dalla nascita all'adolescenza e pone l'accento sul linguaggio, la memoria, il ragionamento e la morale.

Piaget è stato il primo a fare una ricerca completa sullo sviluppo cognitivo. Tra i suoi contributi c'è lo sviluppo cognitivo del bambino e i test effettuati per mostrare le varie abilità cognitive. Dopo aver eseguito una serie di test incentrati principalmente sulla capacità di un bambino di avere l'idea di giustizia, tempo e numero tra gli altri, ha concluso che non si dovrebbe equiparare la conoscenza fattuale all'intelligenza.

Durante la sua carriera nello sviluppo del bambino, Piaget ha ideato le quattro fasi di sviluppo. Le quattro fasi sono la fase delle operazioni sensomotorie, preoperative, operative concrete e formali. La psicologia di Jean Piaget si è basata su concetti di schemi che sono strutture cognitive attraverso le quali si comprende il mondo.



Le quattro fasi dello sviluppo cognitivo: teorie psicologiche di Jean Piaget

Lo stadio sensomotorio



dsm 5 ansia sociale

Questa fase si svolge dalla nascita alla nascita fino ai 2 anni. Il cambiamento principale in questa fase è la permanenza dell'oggetto. Un bambino impara tutto questo attraverso tentativi ed errori oltre che con l'esperienza. Piaget ha diviso il sensomotorio in sei sottofasi.



Fonte: wachanga.com

  • Il primo sottofase sono le attività riflessive, dalla nascita fino a un mese di vita. In questa fase, le azioni principali sono succhiare un capezzolo. È attraverso questa azione di suzione che si formano nuovi riflessi che giocano un ruolo importante nello sviluppo intellettuale.
  • Il secondo sottofase è le reazioni circolari primarie da uno a quattro mesi. È associato ad azioni riflesse ripetitive come succhiare il pollice. In questa fase, un bambino è consapevole quando un oggetto è stato rimosso.
  • La sottofase numero tre sono le reazioni circolari secondarie da quattro a otto mesi. Oltre a ripetere le azioni, iniziano la manipolazione di oggetti come i giocattoli che scuotono.
  • Il prossimo è il coordinamento delle reazioni sottofase che va da otto mesi a un anno.
  • Questa quinta fase è costituita da reazioni circolari terziarie che si verificano da dodici a diciotto mesi, ea questo punto il bambino inizia a scoprire nuovi modi per risolvere le difficoltà.
  • Secondo Piaget, l'ultima sottofase è il primo pensiero rappresentativo da diciotto a ventiquattro mesi, e questo punto i bambini iniziano ad avere un pensiero simbolico.

Fase preoperatoria



Questa fase va dai due ai sette anni secondo Jean Piaget. Il gioco e l'immaginazione sono molto importanti a questa età. Le teorie psicologiche affermano che i bambini iniziano a sviluppare la memoria durante questa fase. Sono egocentrici nel senso che possono pensare solo dal loro punto di vista. A questo punto possono attribuire significati a oggetti, idee e persone che usano il linguaggio.

Fase operativa concreta

È dai sette agli undici anni quando i bambini sono nella fase operativa concreta Secondo la psicologia di Jean Piaget, questa fase è il punto di partenza di tappe fondamentali perché i bambini iniziano ad avere un pensiero logico. I bambini non sono più egocentrici a questo punto. Imparano anche l'idea della conservazione come la comprensione che se quantità uguali di liquido vengono poste in un contenitore rotondo e rettangolare, rimangono le stesse.

Fonte: pexels.com

Operativo formale

attività di gruppo di lavoro di squadra

È la quarta fase e inizia da undici anni fino alla giovane età adulta. Il traguardo principale di questa fase è la capacità di utilizzare il pensiero astratto di fronte a problemi. Invece di fare affidamento esclusivamente sulle loro esperienze, i bambini iniziano a trovare altri modi possibili per risolvere i problemi.

Schemi o elementi costitutivi della conoscenza

Jean Piaget ha descritto gli schemi come i mattoni della conoscenza. Ogni schema abilita o dirige il cervello su come dovrebbe reagire a nuove situazioni o scenari. Man mano che un bambino cresce, il numero di schemi aumenta e la complessità degli schemi continua ad aumentare. È ciò che Piaget chiamava lo sviluppo dei processi mentali dell'individuo.

Si dice che uno schema figlio sia in uno stato di equilibrio se può descrivere ciò che può percepire intorno a sé. Gli schemi svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo cognitivo. Gli schemi sono una rappresentazione mentale interconnessa del nostro ambiente che si usa per comprendere le situazioni e dare la giusta risposta a situazioni diverse.

Ad esempio, una persona potrebbe avere uno schema sull'acquisto di una nuova lavatrice in un negozio al dettaglio. In tal caso, lo schema viene memorizzato mentalmente in termini di sequenza di modelli che saranno applicabili in tale situazione. La persona andrà in negozio, troverà la sezione che ha le lavatrici, selezionerà la marca e il colore che preferisce e infine pagherà. Questo schema è lo script poiché useranno la loro memoria.

bulli adulti

Il processo di adattamento

Il processo di adattamento implica l'assimilazione, l'adattamento e l'equilibrio. L'assimilazione è l'applicazione di uno schema già esistente a nuove situazioni o oggetti. La sistemazione può cambiare un approccio se lo schema attuale non funziona a favore della situazione attuale.

L'equilibrio è la forza trainante dello sviluppo. Secondo la psicologia di Piaget, il progresso dello sviluppo cognitivo non è costante, ma progredisce a passi da gigante. Nel momento in cui lo schema di un bambino può gestire nuove informazioni, lo stato di equilibrio viene raggiunto.

L'impatto della teoria cognitiva

Ad oggi, Jean Piaget è lo psicologo dello sviluppo più influente. Il suo lavoro continua ad essere un'area di interesse nel campo della sociologia, dell'educazione e della psicologia. A differenza di altri ricercatori che hanno spesso visto i bambini solo come la versione più piccola degli adulti, Piaget ha aiutato a dimostrare che i bambini sono unici e ognuno attraversa diverse fasi di sviluppo. Anche se questo potrebbe sembrare un buon senso per noi, c'è stato un tempo in cui i bambini erano visti come 'mini-adulti' e poco si sapeva su come sono cresciuti fino al lavoro di Jean Piaget.

L'impatto sugli altri

Jean Piaget ha avuto un impatto e un'influenza significativi nelle opere di altri famosi psicologi come Robert Sternberg. Piaget ha menzionato nella maggior parte dei libri sulla psicologia infantile.

Il suo lavoro è stato un importante fattore di influenza nella ricerca in psicologia infantile e i critici della sua teoria hanno fatto un ulteriore passo avanti nella psicologia clinica e sperimentale. In altre parole, si può sostenere che la sua teoria cognitiva di Piaget è fondamentale in psicologia, non perché è ampiamente accettata nella società scientifica, ma ha posto il trampolino di lancio per l'attuale psicologia cognitiva.

Fonte: bookdepository.com

Sebbene Piaget non collegasse il suo lavoro all'educazione, alla fine molti ricercatori nel campo dell'educazione hanno mostrato come la sua teoria possa essere applicata nell'apprendimento e nell'insegnamento. Diverse politiche e pratiche educative si sono basate sulla teoria dello sviluppo cognitivo.

È stato utilizzato come fattore guida per decidere cosa insegnare ai bambini ea che età. Secondo Piaget, i nuovi concetti dovrebbero essere spiegati o introdotti ai bambini solo quando raggiungono il corretto stadio di sviluppo cognitivo.

amore e bugie

Punti di forza della teoria dello sviluppo cognitivo di Jean Piaget

Il lavoro di Piaget è stato ampiamente referenziato nel settore dell'istruzione. Alcuni programmi educativi si basano sull'idea che gli insegnanti dovrebbero insegnare ai bambini solo ciò che è giusto per il loro livello di sviluppo mentale.

La sua teoria e le sue idee sono utili per imparare a comunicare con i bambini anche nella psicologia infantile.

L'influenza di Jean Piaget, delle teorie psicologiche e degli esperimenti basati su di esse, ha contribuito a numerosi lavori di ricerca nel campo della psicologia.

Debolezze della teoria di Piaget

Jean Piaget non ha considerato l'effetto che le impostazioni sociali e la cultura hanno sullo sviluppo di un bambino. I suoi metodi erano aperti a pregiudizi durante l'interpretazione perché utilizzava interviste cliniche e osservazioni. Ha fatto le interviste da solo e quindi i dati raccolti si sono basati sull'interpretazione soggettiva individuale delle situazioni. I suoi stessi figli erano alcune delle sue osservazioni principali che sono, ovviamente, un lavoro parziale. Il suo lavoro è stato criticato perché è applicabile solo ai bambini del mondo occidentale e non a quelli in condizioni di povertà.

Pensieri finali

Jean Piaget e le teorie psicologiche che ha elaborato hanno cambiato il modo in cui le persone vedono i bambini. Invece di vederli come adulti più piccoli, gli esperti concordano sul fatto che i bambini attraversano diverse fasi di sviluppo e il loro modo di pensare è diverso da quello degli adulti. Il suo lavoro è ancora utile nei primi anni dell'istruzione e della psicologia infantile. Piaget credeva che lo sviluppo intellettuale fosse un evento permanente, ma ha insistito sul fatto che l'ultima fase dello sviluppo cognitivo è la fase operativa formale.

Se hai domande sullo sviluppo del bambino e sulle applicazioni di teorie come quella di Piaget nella tua vita o su qualsiasi altro argomento sulla salute mentale, puoi essere abbinato a un consulente su BetterHelp, una piattaforma di consulenza online, e iniziare subito, ovunque tu abbia una connessione a Internet.