Perché etichettare i bambini con ADHD è sbagliato

introduzione

C'è una sovrabbondanza di bambini e adolescenti con diagnosi di Disturbo da Deficit di Attenzione (ADHD) ogni anno. Questo fenomeno è in aumento dall'inizio degli anni '90, quando il Ritalin è diventato il farmaco miracoloso per aiutare genitori e insegnanti a controllare i comportamenti dei bambini con quella che era considerata estrema iperattività e difficoltà di concentrazione (Visser & Jehan, 2009). Le persone con disturbo da deficit di attenzione (ADD) non soddisfano automaticamente i criteri diagnostici per l'ADHD.



Secondo Döpfner, Breuer, Wille, Erhart e Ravens-sieberer (2008), a molti bambini e adolescenti viene diagnosticata erroneamente il fattore H, quando non soddisfano tali criteri. Secondo i criteri diagnostici del DSM-VTM (come citato in 'Diagnosis of ADHD using DSM-5TM,' nd), i bambini e gli adolescenti devono mostrare non solo un deficit nell'area di attenzione, ma devono anche mostrare sintomi di impulsività, attività ipercinetica e spifferare pensieri.



Fonte: pexels.com



Le qualificazioni che la maggior parte dei medici sembra perdere, o sorvolare, sono le parole persistenti e in aumento quando si tratta di criteri diagnostici. Alcuni ricercatori sono preoccupati per il fatto che i valutatori stiano dando troppa importanza alle autovalutazioni di bambini e adolescenti (Hurtig et al., 2007) o cosa hanno da dire gli insegnanti (Elik, Corkum, Blotnicky-Gallant e McGonnell, 2015). Senza seguire i criteri DSM-VTM, questi bambini e adolescenti sono etichettati con ADHD e questo può essere stigmatizzante per loro e per le loro famiglie (dosReis, Barksdale, Sherman, Maloney e Charach, 2010).

Perché così tanti sbagliano

I bambini sono attivi e alcuni possono sembrare iperattivi. Tuttavia, l'iperattività proveniente dal punto di vista di un insegnante o di un genitore è in gran parte soggettiva. I bambini dovrebbero stare seduti a scuola per lunghi periodi della giornata; per un bambino a cui piace giocare, questo può sembrare irragionevole. A seconda di quanto sia strutturata la casa, questa potrebbe essere l'unica volta che il bambino dovrebbe stare fermo. I bambini dovrebbero essere attivi. Dovrebbero giocare, dovrebbero correre e sì, dovrebbero mostrare una varietà di interessi nel mondo che li circonda. Se un bambino è annoiato o è stato tenuto inattivo per lunghi periodi, è destinato a sentirsi come se stesse scoppiando dalle cuciture. Gli adulti non dovrebbero essere così veloci da chiamare attivi - iper, in base alla loro preferenza per un bambino.



19:19 significato

Prima di etichettare un bambino come ADHD e cercare una diagnosi di supporto, i genitori e gli insegnanti dovrebbero porsi una serie di domande:

  1. Cosa sto facendo per coinvolgere mentalmente questo bambino?
  2. In che modo e come offro opportunità di attività fisica a questo bambino?
  3. Consento una socializzazione sufficiente per questo bambino?
  4. Coinvolgo questo bambino nelle discussioni; gruppo o individuo?


Fonte: pixabay.com

Gli insegnanti sembrano dimenticare a volte che differenziare l'istruzione e le attività in classe non si applica sempre ai bambini con difficoltà di apprendimento o eccezionalità (Armstrong, 1999). Tutti i bambini hanno personalità e stili di apprendimento diversi e l'istruzione non dovrebbe essere valida per tutti; né dovrebbe la vita domestica per un bambino. Se un genitore ha cinque figli, nessuno dei due sarà lo stesso. Se Tommy, il più grande dei due, è tranquillo, con un comportamento calmo, non dà mai un momento di guai, quando arriva Jason ed è loquace ea volte birichino, i loro genitori non possono aspettarsi le stesse strategie usate con Tommy per fare i compiti, o un bagno è preso per lavorare per Jason.



Qual è il limite per insegnanti e genitori prima che decidano che c'è qualcosa che non va in un bambino? È errato per i genitori che non hanno esaminato attentamente l'ambiente che hanno fornito, assumere l'ADHD (Lewis-Morton, Dallos, McClelland e Clempson, 2014). Una volta che un insegnante ha etichettato un bambino, spesso si attacca e dà il tono agli altri insegnanti per anticipare i comportamenti (Visser & Jehan, 2009). C'è un livello di errore che insegnanti, genitori e medici non riescono a riconoscere e, così facendo, deludono il bambino.

Quando è giusto



Non c'è intenzione di suggerire che l'ADHD non sia una preoccupazione legittima. È un disturbo e ciò significa che esiste un modello persistente di comportamento o sintomi che interferiscono con la capacità di funzionamento del bambino o dell'adolescente ('Diagnosis of ADHD using DSM-5TM,' n.d.). Non c'è nulla nei criteri che affermano che il comportamento del bambino o dell'adolescente interferisce con i genitori o con la capacità di funzionare dell'insegnante.


Fonte: pexels.com



Mentre ci sono quei bambini che interrompono validamente la classe a causa della loro incapacità di far fronte all'ADHD, ci sono anche quelli che interrompono la classe perché ha bisogno di interruzione. Può sembrare una cosa dura da dire. Tuttavia, se gli adulti pensano a riunioni lunghe quando si sono seduti, conferenze di un giorno o peggio di un fine settimana, possono identificarsi con il bambino che dovrebbe stare fermo per più di mezz'ora alla volta. I bambini hanno bisogno di movimento. Hanno bisogno di stimoli mentali. Hanno bisogno di socializzazione. Senza questi, la maggior parte dei bambini sembrerebbe iperattiva o eccessivamente loquace.

Il lato pericoloso di Flip



In alternativa, ci sono i bambini che non vengono mai identificati. I loro pensieri e comportamenti diventano scomodi per loro, quindi quando raggiungono l'adolescenza hanno imparato ad auto-medicare con alcol o marijuana (Pedersen, 2015). Questi adolescenti hanno appena aperto la porta all'abuso di sostanze che può diventare un ciclo senza fine.

C'è ancora un altro lato della medaglia quando si tratta di bambini e adolescenti che mostrano segni e sintomi che potrebbero essere l'ADHD, e questa potrebbe non essere iperattività, ma iperintelligenza. Questa è forse la parte più spaventosa del curare un bambino. Curare un bambino dotato è come rompere il polso di un bambino che ha un grande braccio di lancio. Le caratteristiche del bambino dotato sono spesso confuse con quelle dell'ADHD (Hartnett, Nelson, & Rinn, 2004; Rinn & Reynolds, 2012).

Caratteristica Iperattività Scarsa capacità di attenzione Espressioni esagerate Loquace Bossy / Assertive Idee creative / grandi
Dotato X X X X X X
ADHD X X X X X X

La differenza è che quando un bambino dotato viene affidato ad altri che sono anche dotati, o di intelligenza superiore alla media, i comportamenti poveri - o comportamenti che si presume poveri perché il bambino è stato diagnosticato in modo improprio come ADHD - diminuiranno ('Before Referring a Gifted Child per la valutazione di ADD / ADHD, '2011).

Spesso i genitori che si sentono frustrati e impotenti per il comportamento di un bambino sono fin troppo disposti ad accettare l'opinione di un insegnante, psicologo scolastico o valutatore di educazione speciale. In alcuni casi, una risposta sbagliata è una risposta. L'idea di avere un farmaco miracoloso che risolverà tutti i problemi sembra un mana dal cielo ai genitori e agli insegnanti che non hanno le informazioni e le capacità per impiegare strategie e interventi per aiutare il bambino (Lewis-Morton et al., 2014).

La dualità di essere etichettati male


Fonte: pixabay.com

Ci sono anche bambini con doppia eccezionalità; sono dotati e hanno l'ADHD, ma non si adattano perfettamente a nessuna delle due etichette. Come suggerito da Baum (1990), è spiacevole rendersi conto che qualcuno è così poliedrico da non riuscire a entrare facilmente in una scatola o ad avere un'etichetta. Spesso, è semplicemente più facile etichettare un bambino come ADHD e collocare il bambino per i servizi, piuttosto che vedere semplicemente quel bambino come 'strano' o eccentrico, che sono caratteristiche del talento (Hartnett et al., 2004). Tali studenti portano con sé questa etichetta durante il liceo; come una volta diagnosticata, la situazione è raramente rivista. Gli studenti delle scuole superiori spesso hanno vissuto con lo stigma associato all'istruzione speciale sin dalla scuola elementare. Questi studenti resistono a essere tirati fuori nei giorni di prova per rispetto del tempo extra che è stato applicato da quando lo studente era alla scuola elementare. Sono quelli che ascoltano dolorosamente le battute 'ritardate' in classe e trattengono il respiro in attesa che qualcuno che era in una classe elementare di risorse li denunciasse.

Come affermato in precedenza, c'è spesso una linea molto sottile tra ADHD e talento (Hartnett et al., 2004). Forse, la ragione di ciò è che gli educatori e gli operatori sono quelli che non possono capire, e quindi se il bambino non si adatta perfettamente alla scatola o soddisfa i requisiti della lista di controllo, devono essere etichettati come qualcosa. In effetti, l'idea di differenziazione dell'educazione è quella di prendere bambini rettangolari, triangolari e ottagonali e costringerli a entrare nello stesso foro rotondo.

Baum (1990) e Beckley (1998), sottolineano giustamente i tre bambini due volte eccezionali più comuni. C'è il bambino che è intelligente, ha iniziato a fare tutto presto, ha un'eccellente espressione verbale e stupisce gli adulti con le sue intuizioni avanzate. Questo bambino, secondo Beckley, viene spesso colto alla sprovvista quando lotta con i concetti del corso e utilizza comportamenti distruttivi o evitamento come copertura. Secondo Baum, con questo bambino il talento maschera altri problemi; poi c'è il bambino le cui altre questioni mascherano il suo talento (1990). Questo bambino spesso diventa il clown della classe, poi finalmente si siede, risponde alle domande a testa bassa, quando nessun altro ha la risposta, alza la testa guardandosi intorno con un'espressione 'Mi prendi in giro?', Poi plop; la testa torna giù.

angelo 1222 significato


Fonte: pixabay.com

Secondo Beckley (1990) e Baum (1998), c'è il bambino che sembra tirare con forza in entrambe le direzioni, e un'eccezionalità sembra mascherare l'altra, quindi non è mai adeguatamente identificata. Spesso è fuori lavoro e trova la lezione noiosa. I voti non sono abbastanza brutti da suggerire un problema di apprendimento, ma non abbastanza buoni da dedurre il talento. Tuttavia, una conversazione su ciò che lui o lei trova interessante porta luce sul viso dello studente e un'effervescenza mai vista prima.

Secondo la National Education Association (2006), uno dei tanti problemi con i doppi servizi per questi bambini è il finanziamento, mentre la preoccupazione maggiore è l'identificazione. C'è una spada a doppio taglio; molti stati non supportano la doppia eccezionalità. Pertanto, se l'obiettivo è che gli studenti superino le lezioni e i test standardizzati, lo squittio notato prima ottiene il grasso. Un altro problema è il presupposto / mito che gli studenti dotati siano facili, impostali e dimenticateli. Un bambino due volte eccezionale è più faticoso ma può essere il tipo di bambino più stimolante e gratificante da insegnare.

Conclusione e raccomandazioni

Prima di etichettare un bambino come ADHD, è importante che genitori, insegnanti e professionisti riconoscano che un bambino è più di una diagnosi. Ci vuole tempo, a volte anche mesi di test, provare diverse strategie e lavorare a stretto contatto con il bambino da parte di tutte le parti coinvolte prima che una diagnosi debba essere resa. Soprattutto, il tempo e le misure dovrebbero essere presi prima di prescrivere i farmaci.


Fonte: flickr.com

I genitori dovrebbero essere autorizzati da consulenti scolastici, insegnanti e professionisti a difendere i propri figli. Fornire letteratura, seminari e informazioni sul webcast, strategie e le più recenti ricerche educative e mediche può essere di beneficio ai genitori. Quando un bambino ha l'ADHD, è importante che i genitori, gli insegnanti, così come i medici, comprendano e apprezzino che il bambino non è soddisfatto del suo comportamento. Tuttavia, questo bambino ha dovuto adattarsi e compensare il suo comportamento, e talvolta in modi negativi.

Fino a quando non sarà stata data una diagnosi adeguata e non sarà stata presa la decisione se il farmaco è il corso appropriato di trattamento, i genitori dovrebbero prendere in considerazione la terapia cognitiva e comportamentale per il loro bambino. Quando i bambini si sentono etichettati, si sentono a disagio e si sentono come se non si adattassero a scuola o anche nelle loro famiglie. La terapia non solo per il bambino, ma anche per i genitori e i fratelli può aiutare a riportare l'ordine in una famiglia che è stata disordinata a causa della diagnosi errata o del trattamento improprio di un bambino o di un adolescente.

Riferimenti

Armstrong, T. (1999). Alternative ADD / ADHD in classe. Alessandria: Associazione per la supervisione e lo sviluppo del curriculum. Estratto da http://ebookcentral.proquest.com/lib/apollolib/detail.action?docID=3002137

Prima di indirizzare un bambino dotato per la valutazione di ADD / ADHD. (2011, 13 settembre). Estratto il 3 aprile 2017 da http://sengifted.org/before-referring-a-gifted-child-for-addadhd-evaluation/

Diagnosi di ADHD utilizzando DSM-5TM. (n.d.). Estratto da http://adhd-institute.com/assessment-diagnosis/diagnosis/dsm-5/

Döpfner, M., Breuer, D., Wille, N., Erhart, M. e Ravens-sieberer, U. (2008). Con quale frequenza i bambini soddisfano i criteri ICD-10 / DSM-IV del disturbo da deficit di attenzione / iperattività e disturbo ipercinetico? Tassi di prevalenza basati sui genitori in un campione nazionale - risultati dello studio BELLA.Psichiatria europea dell'infanzia e dell'adolescenza; New York,17, 59-70.

dosReis, S., Barksdale, C.L., Sherman, A., Maloney, K. e Charach, A. (2010). Esperienze stigmatizzanti di genitori di bambini con una nuova diagnosi di ADHD.Servizi psichiatrici; Arlington,61(8), 811-6.

Elik, N., Corkum, P., Blotnicky-Gallant, P. e McGonnell, M. (2015). Superare le barriere all'utilizzo da parte degli insegnanti di interventi basati sull'evidenza per bambini con ADHD: il programma Teacher Help for ADHD.Prospettive su lingua e alfabetizzazione; Baltimora,41(1), 40-49.

Hartnett, D.N., Nelson, J. M., & Rinn, A. N. (2004). Dotato o ADHD? Le possibilità di diagnosi errate.Recensione Roeper,26(2), 73-76. https://doi.org/10.1080/02783190409554245

Hurtig, T., Ebeling, H., Taanila, A., Miettunen, J., Smalley, S. L., McGOUGH, J. J.,… Moilanen, I. K. (2007). Sintomi e sottotipi di ADHD: relazione tra i sintomi dell'infanzia e dell'adolescenza.Giornale dell'American Academy of Child & Adolescent Psychiatry,46(12), 1605-1613. https://doi.org/10.1097/chi.0b013e318157517a

Lewis-Morton, R., Dallos, R., McClelland, L. e Clempson, R. (2014). 'C'è qualcosa che non va bene con Brad ...': I modi in cui le famiglie costruiscono l'ADHD prima di ricevere una diagnosi.Contemporary Family Therapy: An International Journal,36(2), 260-280. https://doi.org/10.1007/s10591-013-9288-9

Pedersen, W. (2015). Dalla cattiveria alla malattia: cannabis medica e disturbo da deficit di attenzione e iperattività autodiagnosticato.Ricerca e teoria sulle dipendenze,2. 3(3), 177-186. https://doi.org/10.3109/16066359.2014.954556

Rinn, A. N. e Reynolds, M. J. (2012). Sovraeccitabilità e ADHD in the Gifted: An Examination.Recensione Roeper,3. 4(1), 38-45. https://doi.org/10.1080/02783193.2012.627551

Due volte bambini eccezionali. (2006) National Education Association.

Visser, J., j. g.visser@bham.ac. u., & Jehan, Z. (2009). ADHD: un fatto scientifico o un'opinione fattuale? Una critica della veridicità del disturbo da deficit di attenzione e iperattività.Difficoltà emotive e comportamentali,14(2), 127-140. https://doi.org/10.1080/13632750902921930