La marijuana può aiutare o prevenire il morbo di Alzheimer?

Fonte: pexels.com



La cannabis o la marijuana è ancora il bambino controverso nella comunità medica. Tuttavia, non si può negare che, nel corso degli anni, abbia gradualmente guadagnato popolarità come possibile trattamento per un gran numero di malattie croniche e di altro tipo, incluso l'Alzheimer. Sono stati condotti migliaia di studi, la maggior parte dei quali in laboratorio e su animali, e molti dei risultati sono promettenti.



La canapa e la cannabis o la marijuana sono piante della specie Cannabis Sativa. Hanno usi e applicazioni diversi, ma per questo articolo ci concentreremo solo sulla marijuana / cannabis. 'Marijuana' è considerata una parola dispregiativa in molti ambienti, ma di certo non merita il brutto colpo che ancora riceve. Diamo un'occhiata alle proprietà medicinali di questa pianta e come può aiutare con la gestione e il trattamento della malattia di Alzheimer (AD).

Quindi ... la marijuana può essere d'aiuto Alzheimer?

In breve, sì, la maggior parte dei dati lo suggerisce certamente. Uno studio pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease ha concluso che '... il THC potrebbe essere una potenziale opzione di trattamento per la malattia di Alzheimer attraverso molteplici funzioni e percorsi'.



Il THC, o tetraidrocannabinolo, è un composto o una sostanza chimica derivata dalla cannabis. Ci sono oltre un centinaio di composti attivi che si trovano nella pianta e vengono chiamati 'cannabinoidi'. Tuttavia, il THC e il cannabidiolo (CBD) sono i cannabinoidi più studiati. A questo punto, sembrano essere i due con i maggiori benefici per la salute, ma studi recenti indicano che potrebbero essercene altri.

In uno studio, è stato dimostrato che dosi minime di THC potrebbero rallentare la produzione della proteina beta-amiloide (Aβ) nel cervello. È stato scoperto che la proteina Aβ è il componente principale delle placche tossiche che crescono e intasano il cervello dei malati di Alzheimer. Sono anche associati alla morte delle cellule cerebrali, che causa il declino cognitivo caratteristico dell'AD. Questo processo sembra iniziare molto prima che compaiano i primi sintomi della malattia.

disturbo post traumatico da stress dsm 5 criteri

Un altro studio in vitro del 2016 con sede in California, condotto dal Salk Institute for Biological Studies, ha dimostrato che il THC, tra gli altri cannabinoidi, potrebbe non solo rallentare ma anche rimuovere una quantità significativa di proteina Aβ dalle cellule cerebrali. Lo studio ha anche dimostrato che i cannabinoidi potrebbero contrastare l'infiammazione nelle cellule nervose e prevenire la morte delle cellule cerebrali associate. In questo senso, il THC può avere un ruolo protettivo da svolgere nella prevenzione dell'Alzheimer e di altre malattie degenerative del cervello.



Secondo Antonio Currais, ricercatore post-dottorato e primo autore dell'articolo, questa è una scoperta importante.

'L'infiammazione all'interno del cervello è una componente importante del danno associato alla malattia di Alzheimer, ma si è sempre pensato che questa risposta provenisse da cellule immuno-simili nel cervello, non dalle cellule nervose stesse. Quando siamo stati in grado di identificare la base molecolare della risposta infiammatoria alla beta amiloide, è diventato chiaro che i composti simili al THC che le cellule nervose producono possono essere coinvolti nella protezione delle cellule dalla morte '.

Fa un punto degno di nota: 'Composti simili al THC che le cellule nervose si producono'. Questo ci porta a uno degli aspetti affascinanti della cannabis e ai benefici per la salute della pianta per il corpo umano.



Come funziona?

dopamina e amore

Fonte: pexels.com

Nonostante l'associazione soggettiva della marijuana con la tossicodipendenza e gli hippy dai capelli lunghi e non lavati, i nostri corpi sembrano curiosamente progettati per beneficiare di questi composti miracolosi per creare specificamente i loro cannabinoidi.

Ognuno di noi ha un sistema chiamato cannabinoide endogeno o sistema endocannabinoide nel nostro corpo. Prende il nome dalla pianta che ha portato alla sua scoperta e da un medico, il dottor Bradley Elgar. Definito questo 'uno dei più importanti sistemi fisiologici coinvolti nello stabilire e mantenere la salute umana'. Per questo motivo, vale la pena indagare, e non solo per il trattamento o la gestione della malattia di Alzheimer.



La cannabis è stata usata come medicina per quasi 5000 anni in particolare in Estremo Oriente e nelle comunità indiane. Tuttavia, il sistema endocannabinoide è stato scoperto solo nel 1998 da Lumír Hanuš, un chimico analitico ceco che lavora presso l'Università ebraica di Gerusalemme, in Israele. Ha isolato il primo cannabinoide nel cervello umano e, insieme ai suoi colleghi, lo ha chiamato 'anandamide'. 'Questa è la parola sanscrita che significa gioia e beatitudine. La sua scoperta è stata la prova che il cervello produce cannabinoidi da solo.

Il sistema endocannabinoide ha due tipi di recettori cannabinoidi nelle cellule presenti in tutto il corpo: i recettori CB1 e CB2. Queste cellule sono concentrate principalmente nel cervello, nel sistema nervoso centrale, nel sistema immunitario e nell'apparato digerente. Le azioni e le funzioni dei cannabinoidi sono straordinariamente complesse, ma nell'articolo citato sopra, Elgar osserva che 'gli endocannabinoidi sono un ponte tra corpo e mente'. È del parere che, comprendendo il sistema endocannabinoide, saremmo in grado di vedere un meccanismo che potrebbe 'collegare l'attività cerebrale e gli stati di salute fisica e malattia'.

THC dalla marijuana per l'Alzheimer

Fonte: rawpixel.com

Quindi, torniamo ai cannabinoidi derivati ​​dalla marijuana. Come accennato, due sono stati ben studiati e hanno diverse azioni nel corpo. Il THC è il composto più noto per il legame con i recettori CB1 e per causare il noto 'sballo' quando la cannabis viene ingerita o fumata. Sembra anche avere indicazioni per il trattamento di dolore neuropatico, nausea, ansia e anoressia.

Nel 2015, è stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo con sede nei Paesi Bassi per determinare gli effetti del THC sui sintomi correlati alla demenza come aggressività, ansia, depressione, insonnia e allucinazioni. La malattia di Alzheimer è una forma di demenza. È stato riscontrato che i ventiquattro pazienti che hanno ricevuto 1,2 mg di THC tre volte al giorno non hanno mostrato differenze rispetto ai pazienti che assumevano un placebo.

D'altra parte, in un altro studio, il THC sembrava avere l'effetto opposto. La Facoltà di Medicina Sackler dell'Università di Tel Aviv, insieme al Dipartimento di Psicologia dell'Università Bar-Ilan, ha condotto un piccolo studio sull'effetto di questo cannabinoide sui sintomi correlati alla demenza. La loro scoperta è stata che il THC nell'olio di cannabis medicinale (MCO) ha ridotto significativamente le delusioni, l'agitazione o l'aggressività, l'irritabilità, l'apatia, il sonno e persino l'angoscia del caregiver. I medici hanno affermato: 'L'aggiunta di MCO alla farmacoterapia dei pazienti con AD è sicura e un'opzione di trattamento promettente'.

albert ellis

Perché questi diversi risultati? Una ragione potrebbe essere che il primo studio potrebbe essere stato condotto con THC puro, mentre nell'altro i pazienti hanno ingerito olio di cannabis medicinale. Perché questo è importante? Anche se il THC da solo è impressionante quando si lavora insieme al cannabidiolo (CBD) e ad altri composti presenti nell'olio vegetale intero, i suoi effetti sono ampiamente amplificati. Questo è chiamato 'effetto entourage'. Ciò garantisce uno sguardo più da vicino al CBD, il fratello meno controverso del THC.

CBD dalla cannabis per l'Alzheimer

Il cannabidiolo è, come accennato, uno degli oltre 100 cannabinoidi attivi nella marijuana e differisce notevolmente dal THC in più di un modo. La differenza più evidente è che l'ingestione di CBD puro non ti darà le sensazioni tipiche di euforia e intossicazione. Si lega ai recettori cellulari CB1 e CB2 nel corpo, ma la sua azione chimica e metabolica differisce notevolmente da quella del THC. È interessante notare che sembra inibire gli effetti psicoattivi del THC, ma finora il CBD è stato studiato al meglio per i suoi effetti sull'epilessia. In effetti, un nuovo farmaco anticonvulsivante con CBD potrebbe presto essere approvato dalla FDA. L'industria ipotizza che questo possa aprire le porte a una ricerca clinica più solida su soggetti umani sui benefici del CBD e aumentare la disponibilità della cannabis come medicinale.

Il CBD ha anche dimostrato forti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti in molti studi sugli animali. In una revisione del 2017 di quest'ultimo, i ricercatori hanno concluso che tutti gli studi forniscono una 'prova di principio' che il CBD, e possibilmente il CBD con THC, sono 'candidati validi' per nuove terapie per l'Alzheimer. Hanno suggerito che ulteriori indagini dovrebbero affrontare gli effetti a lungo termine del CBD e valutare i meccanismi coinvolti nei suoi effetti terapeutici.

Ricordi la beta-amiloide (Aβ)? In uno studio del 2005 condotto sui topi, è stata confermata la forte azione del CBD contro la neuroinfiammazione associata ad Aβ. Ancora una volta, i ricercatori hanno sottolineato che questo potrebbe offrire un nuovo trattamento non solo per gestire l'Alzheimer, ma forse per invertirlo.

Ma la cannabis / marijuana non fa male?

Fonte: rawpixel.com

fmla salute mentale

La marijuana o la cannabis sono state ampiamente demonizzate per lo sballo euforico associato all'assunzione di THC. A volte, questo è anche associato a sentimenti di paranoia e alle persone con diagnosi di schizofrenia si consiglia vivamente di evitare di utilizzare qualsiasi preparazione a pianta intera. Diversi ceppi della pianta hanno anche diversi effetti psicoattivi.

C'è anche la preoccupazione che soprattutto fumare il fiore possa dare origine a dipendenza e la marijuana è spesso etichettata come una droga 'gateway'. Ciò significa che una volta che una persona lo usa, aumenterà notevolmente le sue possibilità di usare altre droghe molto più dannose come l'eroina, l'LSD, ecc. Ci sono prove che la dipendenza può essere un rischio soprattutto per gli uomini che la usano presto nella vita. Tuttavia, questo non è vero per ogni persona.

Come sottolinea la National Institution on Drug Abuse, la maggior parte dei consumatori di marijuana ricreativi e medicinali non progredisce mai nell'uso delle sostanze 'più dure' e la cosiddetta 'sensibilizzazione incrociata' non è esclusiva della marijuana. Afferma: 'L'alcol e la nicotina preparano anche il cervello a una risposta più intensa ad altre droghe e sono, come la marijuana, anche tipicamente utilizzati prima che una persona progredisca verso altre sostanze più dannose'. Dipende dalla persona.

Pertanto, respingere la marijuana o la cannabis per curare o prevenire la malattia di Alzheimer semplicemente sulla base del suo potenziale di dipendenza sarebbe un peccato e forse anche poco saggio. Sono necessari studi molto più clinicamente e statisticamente rilevanti prima che la cannabis sia pienamente accettata nella comunità medica e in generale, ma il suo valore potenziale è, ormai, indiscutibile.

Nessuna persona che ha la demenza o il morbo di Alzheimer dovrebbe usare l'olio di CBD o qualsiasi altro prodotto a base di cannabis senza prima consultare il proprio medico.

Ho bisogno di aiuto?

Se hai bisogno di affrontare il consumo di marijuana, o se hai bisogno di aiuto per affrontare il morbo di Alzheimer, o gli stress legati al caregiving nella cura dell'Alzheimer, BetterHelp potrebbe essere la piattaforma che stai cercando. È disponibile un'assistenza discreta nella sicurezza e nella privacy di casa tua, quindi trova subito il terapista giusto.