Affrontare i disturbi alimentari nell'adolescenza

Fonte: pexels.com



Quando si tratta di disturbi alimentari degli adolescenti, come l'anoressia nervosa, la bulimianervosa e l'alimentazione compulsiva o incontrollata, l'intervento precoce è fondamentale. Devi farcela finché il bambino è abbastanza giovane da interrompere un modello di comportamento prima che inizi, o subito dopo. I disturbi alimentari possono colpire chiunque a qualsiasi età, ma con un intervento precoce, la possibilità che una persona ha di ottenere un recupero a lungo termine aumenta in modo significativo.



Cos'è l'anoressia?



Fonte: rawpixel.com

L'anoressia nervosa, o anoressia, è un disturbo alimentare in cui la persona osserva ossessivamente il numero di calorie e i tipi di cibo che mangia. Quelli con anoressia possono avere difficoltà a mantenere un peso normale a causa del numero di restrizioni che impongono alla loro dieta, il che può portare a conseguenze mediche significative.

Le persone con anoressia tendono ad evitare il cibo, l'esercizio compulsivo, le abbuffate e l'eliminazione tramite il vomito o l'uso di lassativi. L'anoressia può colpire chiunque in qualsiasi momento, indipendentemente dalla sua età, sesso, razza o etnia. Mentre l'anoressia si riscontra più tipicamente nelle ragazze adolescenti, è stato diagnosticato che anche i bambini e gli adulti mostrano sintomi di anoressia.



Hollywood ha mostrato l'anoressia sotto una luce molto diversa da come appare nella vita reale. Chi soffre di anoressia non è necessariamente emaciato o ovviamente sottopeso. Le persone in sovrappeso possono soffrire di anoressia a lungo termine, anche se è meno probabile che vengano diagnosticate a causa del pregiudizio culturale che esiste contro l'obesità.

Cos'è la bulimia?

tempo per cambiare le quotazioni

La bulimia nervosa, o bulimia, è un disturbo alimentare più grave e potenzialmente pericoloso per la vita. Qui, il malato mangia una grande quantità di cibo in un breve periodo, quindi spurga immediatamente il cibo nel tentativo di evitare l'aumento di peso, di solito attraverso il vomito forzato. Altri metodi per eliminare il cibo includono l'esercizio eccessivo e l'uso eccessivo di lassativi e diuretici.



C'è anche la forma meno comune di bulimia non purificante, in cui la persona si impegnerà in un esercizio eccessivo o nel digiuno, che evita del tutto il cibo. Qui non si fa affidamento sulle forme più tipiche di spurgo, ma possono ancora essere incorporate di rado.

Fonte: rawpixel.com

Spesso chi soffre di bulimia si abbuffa e si purga in privato. Per questo motivo, possono soffrire di bulimia per un lungo periodo prima che qualcuno inizi a sospettare qualcosa. Questo è ciò che rende la bulimia così pericolosa. Quando iniziano a manifestarsi i sintomi, il malato potrebbe essere già vicino a un'emergenza medica. Per lo meno, potrebbe essere necessario più tempo per trattare la condizione, poiché il modello di comportamento bulimico ha avuto un tempo più lungo per svilupparsi.

Oltre a cercare di controllare il proprio peso, coloro che soffrono di bulimia si rivolgono spesso a questo comportamento come un modo per affrontare una situazione difficile o un cambiamento di vita. Abbuffarsi e spurgarsi consentono loro di provare un senso di controllo. La bulimia può anche derivare da scarsa autostima o immagine corporea, abuso o professioni o altre attività in cui è in gioco l'aspetto o la prestazione di una performance, come celebrità o atleti.



Cause di disturbi alimentari nell'adolescenza

Gli adolescenti possono sviluppare un disturbo alimentare per una serie di ragioni o una combinazione di molte ragioni. Alcuni dei motivi per cui un adolescente può sviluppare un disturbo alimentare includono:

Fonte: pexels.com

  • Bassa autostima
  • Immagine corporea scadente
  • Predisposizione genetica
  • Trauma
  • Pressioni sociali e bullismo
  • Abuso

Questi catalizzatori non sono limitati agli adolescenti. Persone di qualsiasi età possono essere esposte a traumi o soffrire di scarsa autostima. Queste cose possono portare a una serie di problemi che includono ma non sono limitati a un disturbo alimentare.

Segni di disturbi alimentari degli adolescenti

I disturbi alimentari possono colpire entrambi i sessi, ma le ragazze hanno maggiori probabilità di soffrirne di uno rispetto ai ragazzi. Se noti uno dei seguenti problemi nel tuo bambino, ragazzo o ragazza, allora tuo figlio potrebbe essere affetto da, o nelle prime fasi di, un disturbo alimentare:

  • Paura e ossessione per il divenire ''
  • Binge eating
  • Spurgo dopo aver mangiato (vomito o uso di lassativi)
  • Mangiare in privato
  • Essere ossessionati, aver paura o evitare il cibo
  • Contare le calorie

La paura del cibo può essere uno dei segni più facili da individuare in un bambino che potrebbe sviluppare un disturbo alimentare, in particolare l'anoressia nervosa o la bulimia nervosa. È proprio lì nel nome: 'nervosa'. I bambini che temono di mangiare cibi ad alto contenuto di grassi possono imparare che possono controllare la loro ansia semplicemente evitando del tutto questo tipo di alimenti. Questo processo di apprendimento attraverso l'evitamento è noto come 'rinforzo negativo'.

Poiché il cibo è nutrimento e poiché ne abbiamo bisogno sia per sopravvivere che per pensare correttamente, coloro che non consumano il numero necessario di calorie ogni giorno possono cambiare i loro schemi di pensiero. Questo perché le cellule di cui hanno bisogno per produrre energia stanno morendo di fame, il che può portare a cambiamenti nella chimica del cervello di una persona. Questi cambiamenti possono creare o contribuire a fobie alimentari e incapacità di pensare chiaramente, in particolare sulla percezione che una persona ha della propria immagine corporea.

Trattamento dei disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari non trattati possono produrre conseguenze significative per il bambino in seguito, comprese complicazioni mediche e potenziali emergenze. Questo perché è probabile che i disturbi alimentari peggiorino prima di migliorare.

Oltre alla rete di supporto fornita dalla famiglia del bambino, possono essere consultati anche i seguenti professionisti medici per quanto riguarda il trattamento di un disturbo alimentare:

  • Un medico
  • Uno psicologo o uno psichiatra
  • Un dietista
  • Un fisioterapista

Fonte: pxhere.com

In primo luogo, il bambino deve essere aiutato a raggiungere un peso sano prima che qualsiasi complicanza medica abbia la possibilità di svilupparsi, o prima che le attuali complicazioni mediche siano esacerbate. Ciò potrebbe richiedere l'aiuto di un medico, poiché i cambiamenti nel metabolismo o le complicazioni mediche non sono facili da superare senza un aiuto professionale. Allo stesso modo, un medico sarà in grado di monitorare gli organi e le ossa del bambino per i segni di danni e quindi trattare il bambino di conseguenza.

Uno psicologo o uno psichiatra può fornire al bambino meccanismi di coping progettati per combattere comportamenti negativi, processi mentali distorti e qualsiasi potenziale fattore scatenante che possa aver portato al disturbo alimentare in primo luogo. Spesso si fa affidamento sulla terapia cognitivo-comportamentale, poiché questo tipo di terapia aiuta i pazienti a riconoscere i propri 'fattori scatenanti' e ad investire le proprie energie nello sviluppo di meccanismi di coping positivi, piuttosto che sul disturbo alimentare che può fungere da negativo.

Quando si tratta di trattamento, i bambini si riprendono a un ritmo più significativo quando le loro famiglie sono coinvolte nei loro trattamenti. Quando un bambino sa di avere un sostegno familiare e quando i membri della famiglia prestano attenzione alle strategie di coping che vengono insegnate in terapia e imparano come rafforzarle a casa, questo non solo incoraggia il bambino a continuare a cercare cure ma anche fornisce al bambino un migliore senso di autostima. Si sono sentiti apprezzati e amati, il che può fare molto per ottenere una guarigione a lungo termine.

Obesità e disturbi alimentari

L'obesità infantile è sicuramente un problema negli Stati Uniti ed è importante che prestiamo attenzione e cerchiamo di correggerlo. Tuttavia, per certi aspetti, mettere l'obesità infantile sotto i riflettori può avere l'effetto opposto su un bambino al punto in cui lui o lei sviluppa un'immagine di sé così scarsa e una relazione tenue con il cibo che alla fine porta a un disturbo alimentare.

Solo perché un bambino è obeso, questo non significa che abbia la certezza di sviluppare un disturbo alimentare più tardi nella vita. Tuttavia, la pressione che l'obesità esercita su un bambino è significativamente maggiore che se il bambino avesse un peso normale. Il bullismo, ad esempio, è spesso peggiore per un bambino in sovrappeso, poiché può influenzare la sua immagine corporea e la sua autostima ancora in via di sviluppo. Un bambino a cui viene detto regolarmente che è 'grasso' può sentirsi 'grasso' per sempre, nonostante abbia perso peso più tardi nella vita. Questo può portare a un disturbo alimentare.

Accoppia il bullismo con la pressione sociale che viene esercitata sui bambini tramite i social media, la televisione e le riviste, ed è facile capire come un bambino che sta ancora sviluppando la propria immagine corporea possa essere influenzato a credere che non lo sarà mai. abbastanza magro da essere considerato 'normale'. Questo può portare allo sviluppo di un disturbo alimentare, poiché lui o lei farà tutto il necessario per raggiungere un peso 'sano', un numero che potrebbe non essere appropriato per le sue proporzioni.

Statistiche sui disturbi alimentari degli adolescenti

Fonte: pxhere.com

Negli Stati Uniti, i disturbi alimentari colpiscono milioni di adolescenti e giovani adulti e il numero di bambini e adulti a cui viene diagnosticato un disturbo alimentare è in aumento. A causa delle gravi complicazioni mediche che possono derivare da un disturbo alimentare, è fondamentale diagnosticare e trattare la condizione non appena se ne accorge. Quanto prima è la diagnosi, tanto più è probabile che la persona riceva un trattamento adeguato e si riprenda.

Ecco alcune statistiche sulla prevalenza dei disturbi alimentari negli adolescenti:

  • Il 95% delle persone che soffrono di un disturbo alimentare ha un'età compresa tra i 12 ei 25 anni.
  • Il 40-60% delle ragazze di età compresa tra 6 e 12 anni è preoccupato per il proprio peso o per il 'ingrassare', una paura che le segue per il resto della vita.
  • Dei bambini delle scuole superiori, il 44% delle ragazze e il 15% dei ragazzi hanno cercato di perdere peso ad un certo punto della loro vita.

Forse la cosa più inquietante è che oltre la metà di tutte le ragazze adolescenti negli Stati Uniti e quasi un terzo degli adolescenti si affidano a comportamenti malsani per controllare il proprio peso, come saltare un pasto, digiunare, fumare sigarette o spurgarsi.

Se tu o qualcuno che ami soffre di un disturbo alimentare, valuta la possibilità di contattare uno dei nostri consulenti BetterHelp autorizzati. Siamo disponibili in chat 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e siamo qui per aiutarti.