Memoria iconica e come funziona

Fonte: pexels.com



La memoria iconica gioca solo una piccola parte nelle attività e nei banchi di memoria complessivi. La memoria iconica non è qualcosa che in genere si perde con la perdita di memoria, sebbene il suo ruolo nella creazione di nuova memoria sia significativo. La memoria iconica dura solo millisecondi, ma svolge un ruolo, significativo, nell'elaborazione di ciò che vedi e nell'utilizzo di tali informazioni per formare una nuova memoria.



Cos'è iconico Memoria?

La memoria iconica è una forma di memoria sensoriale che immagazzina impressioni e sensazioni visive a breve termine. La memoria sensoriale è una memoria a brevissimo termine che dura solo millisecondi per la maggior parte delle persone dopo l'offset o l'inizio dello stimolo. La memoria iconica è la memoria sensoriale correlata alla memoria visiva e potrebbe anche essere chiamata 'memoria visiva a breve termine'. È chiamato iconico a causa delle icone o delle immagini che il tuo cervello prende delle cose che vedi, poiché le scene visive vengono utilizzate per completare le percezioni immediate e raggiungere conclusioni sui segnali visivi.

Alcune persone confondono la memoria iconica con la memoria fotografica. Sebbene ci siano poche prove che la memoria fotografica sia reale - e se è reale, come funziona esattamente - la memoria iconica è definitiva, con un ampio corpo di ricerca. La memoria fotografica è la capacità di vedere qualcosa e ricordarlo solo da una breve immagine. La memoria iconica è semplicemente il modo in cui il tuo cervello elabora le informazioni visive tramite la visualizzazione iniziale di un dato stimolo visivo.



La memoria iconica non dura a lungo, come dimostrano molti studi. Puoi vedere la memoria iconica al meglio attraverso un semplice esercizio. Chiudi gli occhi per qualche secondo. Apri gli occhi per uno o due secondi (quanto basta per mettere a fuoco un oggetto), quindi chiudili di nuovo. Per un tempo molto breve, vedrai ancora l'immagine negli occhi della tua mente. Questa è la memoria iconica e visiva a breve termine al lavoro, che mantiene viva l'immagine per un breve periodo dopo l'offset dello stimolo.

Persistenza

Esistono tre tipi di persistenza che si verificano con stimoli visivi e compiti di memoria iconica: persistenza neurale, persistenza visibile e persistenza informativa. La persistenza neurale si verifica quando l'attività neurale continua dopo che gli stimoli sono scomparsi. La persistenza visibile è quando continui a vedere l'immagine dopo che è sparita, ad esempio con un lampo di luce brillante. La persistenza informativa è quando le informazioni sugli stimoli visivi sono ancora disponibili per la persona per un po 'di tempo dopo che gli stimoli sono scomparsi. Studi in passato hanno concluso che queste tre forme di persistenza visiva si basano l'una sull'altra e sono la fonte di informazioni visive trasmesse dopo l'offset dello stimolo negli studi sulla persistenza visiva. Tuttavia, una nuova ricerca ha scoperto che questo non è il caso.



Secondo studi più recenti, ci sono due fenomeni che si verificano costantemente con gli stimoli visivi: l'effetto di durata inversa, il che significa che più a lungo dura uno stimolo, più breve è la sua persistenza dopo l'offset dello stimolo e l'effetto di intensità inversa, che descrive come è intenso lo stimolo, più breve dura la persistenza. Questi effetti si verificano a meno che gli stimoli non siano così intensi da produrre immagini successive. Si pensa che ciò avvenga insieme alla persistenza neurale.

212 che significa fiamma gemella

Fonte: rawpexel.com



La persistenza informativa è ciò che costituisce la memoria iconica. La persistenza informativa ha proprietà nettamente diverse dalla persistenza visibile o neurale, poiché sia ​​la persistenza visibile che quella neurale dipendono fortemente dalla corteccia visiva. La persistenza informativa non si basa molto sulla corteccia visiva, poiché converte la visualizzazione visiva in idee e informazioni astratte, invece che in una semplice immagine.

Questo stesso studio ha anche concluso che la memoria iconica non è direttamente legata ai processi del sistema visivo. Lo studio suggerisce che la memoria iconica è post-categoriale e si verifica dopo l'identificazione dello stimolo. L'identificazione dello stimolo è un processo automatico ma non fornisce proprietà episodiche. In breve, la nuova visione è che lo stimolo fisico debba essere temporaneamente collegato a una rappresentazione dello stimolo visivo nella memoria semantica. Questa informazione temporaneamente allegata è ciò che costituisce la memoria iconica.



Caratteristiche temporali

La memoria iconica decade rapidamente dopo che lo stimolo visivo non è più presente. La memoria iconica è considerata dai più per consentire l'integrazione percettiva di due o più immagini, anche se separate da un breve periodo di tempo. Sono stati condotti molti studi per determinare la durata della memoria iconica, di solito dopo che lo stimolo è stato rimosso (chiamato offset dello stimolo).



Tuttavia, è venuto alla luce un nuovo studio in cui è stato ipotizzato che la memoria iconica abbia una proprietà temporale impostata a partire dall'insorgenza dello stimolo visivo, indipendentemente dalla durata dello stimolo visualizzato. Ciò spiegherebbe l'azione inversa della memoria iconica che dura per un periodo di tempo più breve con una durata maggiore. Gli studi precedenti misuravano la durata della memoria iconica dall'offset dello stimolo, ma il nuovo studio la misura dall'insorgenza dello stimolo.

I risultati del nuovo studio sembrano conclusivi, dimostrando che indipendentemente dalla durata dello stimolo visivo visualizzato, la memoria iconica ha una durata abbastanza stabilita. Molto spesso la durata della memoria iconica è inferiore a un secondo. La memoria iconica è estremamente breve. Solo quando la memoria iconica viene contestualizzata nel cervello e relegata alla memoria a breve termine, le informazioni persistono oltre il singolo secondo associato alla memoria visiva a breve termine.



Rilevamento delle modifiche

Una delle scoperte emerse in ripetute ricerche sulla memoria iconica è l'incapacità di rilevare i cambiamenti in un campo visivo. Il rilevamento del cambiamento visivo è stato valutato in molti esperimenti desiderosi di determinare la durata della memoria iconica attraverso test di rilevamento del cambiamento. Al soggetto viene fornita una serie di elementi, quindi poco tempo dopo, dato che la stessa matrice è leggermente cambiata, e viene chiesto di determinare la modifica. Nella maggior parte dei casi, i soggetti non sono in grado di determinare la modifica apportata. Questi risultati suggeriscono che il rilevamento del cambiamento è molto più difficile di quanto originariamente previsto e potrebbe non essere una parte dei compiti di memoria associati alla memoria iconica e ai cambiamenti visibili.

Un nuovo studio si proponeva di determinare il motivo per cui ciò accade. Il pensiero comune è che una ricerca seriale di tutti gli oggetti sia necessaria per determinare il cambiamento, e la memoria iconica del primo array svanisce prima che possa aver luogo. Tuttavia, il nuovo studio ha scoperto che è molto più probabile che la memoria iconica possa contenere solo un array alla volta. Quando viene presentato il nuovo array, sovrascrive le informazioni dal primo array. Poiché i compiti di memoria associati alla memoria iconica sono così brevi, è logico che la corteccia visiva e i centri di elaborazione del cervello non trattengano un gran numero di presentazioni visive, al fine di impegnarsi nel rilevamento del cambiamento visivo.

cosa significa 12 spiritualmente?

Fonte: rawpixel.com

La memoria iconica è così breve e fugace che può contenere solo una piccola, limitata quantità di informazioni per un tempo infinitesimale. L'unico modo per aumentare la memoria di un array visivo è focalizzare l'attenzione sull'array, che sposta le informazioni dalla memoria iconica alla memoria a breve termine. Poiché la banca della memoria a breve termine richiede attenzione, concentrarsi su un display visivo e cercare di discernere le informazioni da quel display sposta il meccanismo utilizzato dalla memoria iconica ricercata da George Sperling alle banche della memoria a breve termine di un individuo.

Trasferimento in una memoria durevole

Sono stati condotti molti studi per determinare la velocità di trasferimento delle informazioni dalla memoria iconica alla memoria durevole o alla memoria a breve e lungo termine. La maggior parte degli studi ha rilevato che è necessaria un'attenzione significativa per spostare le informazioni dalla memoria iconica all'archiviazione durevole. Senza un'attenzione focalizzata, la memoria iconica svanisce rapidamente e non viene inserita in un contesto che la impegna a una memoria più duratura. La quantità di informazioni che possono essere spostate dalla memoria iconica all'archiviazione durevole è limitata dalla capacità della memoria a breve termine e dalla disponibilità della memoria iconica. La cecità al cambiamento limita alcune delle informazioni archiviate, poiché la memoria iconica non è in grado di rilevare il cambiamento.

Un altro studio condotto dal NIH ha mostrato che la memoria iconica, con attenzione, potrebbe essere trasferita alla memoria di lavoro visiva, che dura diversi secondi. La memoria di lavoro visiva è una funzione della memoria a breve termine. Questa memoria a sua volta dura solo pochi secondi, meno di un minuto intero, senza essere trasferita di nuovo nella memoria a lungo termine. La memoria e la persistenza visibile dipendono interamente dalla memoria iconica e dalla memoria di lavoro visiva; senza che queste due banche agiscano brevemente come un deposito di informazioni visive, le percezioni e le immagini non si sposterebbero nella memoria a breve oa lungo termine.

Il cervello e la memoria iconica

La parte principale del cervello coinvolta nella memoria iconica è il lobo occipitale, che ospita la corteccia visiva primaria. Il lobo occipitale e la sua corteccia visiva primaria sono responsabili dell'elaborazione e della regolazione delle informazioni visive. Lo stimolo visivo viaggia dal sistema visivo degli occhi al lobo occipitale, dove viene immagazzinato per pochi millisecondi, prima di essere scartato o trasferito al lobo temporale. L'ippocampo all'interno del lobo temporale è il principale responsabile della conversione di quella memoria dalla memoria a breve termine a quella a lungo termine.

Il percorso della memoria visiva

Il percorso della memoria visiva è quello che viene percorso con estrema rapidità. La memoria iconica, la memoria di lavoro visiva e la memoria a breve termine hanno capacità limitate e brevi caratteristiche temporali, alcune delle quali alloggiate all'interno della corteccia visiva primaria. Solo spostando le informazioni lungo tutto il processo nella memoria a lungo termine è possibile ricordare lo stimolo visivo per più di pochi minuti; la memoria iconica richiede attenzione e concentrazione per trasferire le informazioni ai banchi di memoria a lungo termine.

il diavolo come sentimenti

Presentazione degli stimoli

La prima cosa che deve accadere, ovviamente, è che gli stimoli visivi vengano presentati. Lo stimolo visivo viene elaborato dal sistema visivo e dal lobo occipitale. Si verifica il riconoscimento automatico, che viene quindi inserito nella memoria iconica. Ciò accade molto rapidamente: si dice che il numero magico sia di appena un secondo nella memoria iconica e meno di 1 minuto nella memoria di lavoro visiva.

Memoria iconica

Una volta presentato lo stimolo, inizia la memoria iconica. Il riconoscimento automatico della visualizzazione dello stimolo visivo viene elaborato dal lobo occipitale e trasferito alla memoria iconica, dove rimane solo per millisecondi prima di essere trasferito alla memoria di lavoro visiva o essere scartato.

Fonte: rawpixel.com

significato del 1919

Memoria di lavoro visiva

Dalla memoria iconica, le informazioni si spostano alla memoria di lavoro visiva. È come una memoria a brevissimo termine nella visione e negli stimoli visivi. La memoria di lavoro visiva può durare diversi secondi. Affinché le informazioni si spostino nella memoria di lavoro visiva, il soggetto deve aver focalizzato l'attenzione sul display visivo o sulla serie di informazioni.

Memoria a breve termine

La memoria a breve termine dura solo pochi minuti e ha una capacità limitata. Con attenzione focalizzata e ricordi e pensieri correlati, la memoria di lavoro visiva può essere trasferita alla memoria a breve termine. Lì, le informazioni rimangono per diversi minuti prima di essere scartate o trasferite nella memoria a lungo termine.

Memoria a lungo termine

La memoria a lungo termine può essere un termine confuso. Quando la maggior parte delle persone pensa alla memoria a lungo termine, pensa a cose che ricorda per anni. Tuttavia, la memoria a lungo termine non dura necessariamente per sempre nelle neuroscienze umane. Decadono nel tempo, a seconda della frequenza con cui accedi alle informazioni. Se le informazioni dalla memoria iconica devono durare oltre pochi minuti, devono essere archiviate nella memoria a lungo termine.

Ottenere aiuto con problemi di memoria

Se scopri che non riesci a ricordare le cose che hai visto, potresti soffrire di una precoce perdita di memoria nelle aree visive. La perdita precoce della memoria di solito inizia con una memoria a breve termine inadeguata, incluso il richiamo di un display visivo raccolto attraverso la memoria di lavoro iconica e visiva. Se vedi qualcosa e in pochi minuti hai dimenticato ciò che hai visto, anche se hai prestato molta attenzione, potrebbero esserci dei problemi con la tua memoria a breve termine, poiché il ruolo della memoria iconica è ricevere input visivi e trasferirli alla memoria di lavoro visiva (che poi passa ai banchi di memoria a breve termine) o scartarla.

La perdita di memoria è importante da rilevare presto e ci sono molte cose che puoi fare per rendere il processo più facile. Contattare un terapista o uno psicologo è il tuo primo passo. Possono darti un test di memoria per determinare la profondità della tua perdita di memoria. Possono anche darti i passaggi successivi necessari per identificare la potenziale perdita di memoria e dirti cosa guardare se la tua memoria inizia a fallire.

Fonte: rawpixel.com

Domande frequenti (FAQ):

Cos'è la memoria iconica in psicologia?

La memoria iconica è un termine coniato da George Sperling. Sperling ha identificato il processo di un intero movimento visivo da una singola impressione immediata attraverso la memoria iconica, alla memoria di lavoro visiva, alla memoria a breve termine. Questi classici esperimenti iniziali hanno identificato la memoria iconica come la prima soglia nell'integrazione delle informazioni visive. La memoria iconica, quindi, è una sorta di gateway per i processi coinvolti nell'archiviazione della memoria a breve termine. Uno stimolo visivo compensa il cervello, che innesca la memoria iconica. La memoria iconica trattiene l'immagine per 1 secondo o meno, prima di inviare l'immagine al cervello, che identifica rapidamente se l'immagine è importante o non importante. Senza la memoria iconica, l'acquisizione di informazioni e la rapida eliminazione, il cervello umano sarebbe continuamente sopraffatto dagli stimoli visivi. La memoria iconica è una macchina di smistamento, essenzialmente, che filtra tutte le immagini prese quotidianamente.

Cos'è la memoria ecologica iconica?

La memoria iconica e la memoria eco sono in realtà due diversi tipi di assunzione di memoria. La memoria iconica è coinvolta nei movimenti oculari e nell'intero apporto visivo, mentre la memoria ecologica si concentra sull'assunzione uditiva e ordina le informazioni in base ai recettori uditivi. Come la memoria iconica, la memoria ecologica è breve e non indirizza necessariamente tutte le informazioni in arrivo immediatamente alla memoria a breve o lungo termine per l'archiviazione estesa.

Quanto dura la memoria iconica?

La memoria iconica è incredibilmente breve e dura 1 secondo o meno. Questo è, in parte, il motivo per cui la cecità al cambiamento è osservata nella memoria iconica; la memoria iconica non viene utilizzata per memorizzare una grande quantità di informazioni visive per un lungo periodo di tempo, quindi la memoria iconica è incline a cambiare la cecità o l'incapacità di identificare i piccoli cambiamenti apportati a una scena. La memoria iconica è spesso collegata alla memoria di lavoro visiva, che non è così incline a cambiare la cecità, ed è la parte della memoria nel rilevamento del cambiamento che può effettivamente durare diversi secondi, abbastanza a lungo da mostrare la capacità di rilevare il cambiamento.

Perché la memoria iconica è importante?

Sebbene la memoria iconica sia nota per la cecità al cambiamento e sia utilizzata in uno stato di pre-attenzione, è una parte vitale della corteccia visiva primaria e delle sue funzioni. Attraverso movimenti oculari involontari o non intenzionali, la mente umana riceve una vera e propria cascata di informazioni visive, che devono essere elaborate attraverso la corteccia visiva primaria e scartate o reindirizzate ai canali successivi della memoria visiva. Da questo centro di assorbimento visivo primario (memoria iconica), i ricordi vengono considerati non più necessari e scartati, o trascinati verso la destinazione successiva: la memoria visiva di lavoro.

Significato del numero 844

Un tipo di memoria che lotta con i compiti di rilevamento del cambiamento potrebbe non sembrare terribilmente importante, ma svolge un ruolo assolutamente essenziale nella funzione neurologica. Essere costantemente sopraffatti da stimoli visivi potrebbe significare una perdita della funzione cerebrale generale; se una grande porzione del cervello fosse costantemente concentrata sul filtraggio e l'ordinamento attraverso l'input visivo, altre funzioni dovrebbero essere messe in secondo piano. La memoria iconica assume queste funzioni e svolge il compito di ordinare e rimuovere le informazioni non necessarie.

Cosa descrive meglio la memoria iconica?

significato di 707

La memoria iconica è il tipo di memoria coinvolto nell'assunzione breve e rapida di stimoli visivi. La memoria iconica nel rilevamento del cambiamento è debole, nella migliore delle ipotesi, ma svolge una funzione importante: selezionare e filtrare gli stimoli visivi in ​​arrivo. Negli studi iniziali sulla memoria iconica, c'erano molte diverse tattiche utilizzate dai ricercatori per saperne di più sulla condizione, inclusa la misurazione dell'assunzione di informazioni visive attraverso l'inizio dello stimolo e l'offset dello stimolo. Ciò che è stato scoperto è che la memoria iconica è un centro di assunzione visiva rapida, che trattiene un'immagine per 1 secondo o meno, prima di scartare l'immagine, memorizzare informazioni sugli stimoli visivi o inviare l'immagine a centri di memoria a lungo termine, come la memoria di lavoro visiva e la memoria a breve termine.

La memoria iconica è interessante anche per la sua inaffidabilità nel richiamo attraverso il solo stimolo visivo; gli studi hanno richiesto ai partecipanti di visualizzare un'immagine con una serie di informazioni, quindi hanno chiesto loro di richiamare tali informazioni dalla memoria iconica. Solo & frac14; fino a 1/5 delle informazioni fornite è stato possibile recuperare, suggerendo che la memoria iconica era di scarsa utilità per conservare le informazioni. Al contrario, quando è stata prodotta una procedura di report parziale e i ricercatori hanno richiesto ai partecipanti di richiamare le informazioni insieme a stimoli aggiuntivi (il più delle volte uditivi), sono stati in grado di offrire un report parziale, conservando fino al 75% delle informazioni. Questi studi erano frontiere affascinanti nelle neuroscienze umane, poiché fornivano una finestra su come l'integrazione sensoriale viene utilizzata per richiamare le informazioni, come è stato dimostrato nelle procedure di report parziale.

Qual è l'esempio di memoria iconica?

La memoria iconica è la memoria visiva a più breve termine identificata nel funzionamento umano. La memoria iconica include le brevi immagini riprese dagli occhi umani, che vengono poi scartate o spostate per ulteriori elaborazioni e memorizzazioni. Sebbene ci siano molti diversi tipi di archiviazione responsabili dell'elaborazione delle informazioni, la memoria iconica è unica, in quanto è sia breve che rapida: la memoria iconica memorizza le informazioni per meno di un secondo e le scarta o le trasmette a il passaggio successivo nell'elaborazione della memoria. La memoria iconica è anche nota per i suoi legami con la procedura di segnalazione parziale, in cui un ricercatore richiedeva ai partecipanti di visualizzare uno stimolo visivo insieme a uno stimolo sensoriale aggiuntivo e richiamare le informazioni. La memoria iconica non può fornire un rapporto completo (richiamo di informazioni senza coinvolgimento di altri sensi), ma può fornire un rapporto parziale (informazioni richiamate con coinvolgimento di altri sensi).

Un semplice esempio di memoria iconica è questo: prenditi un momento per guardare un'immagine, per non più di 2-5 secondi, e chiudi gli occhi. Ricordi un'immagine dell'oggetto che stavi guardando? L'immagine probabilmente svanirà entro un solo secondo o meno. Questa è la memoria iconica. Esempi iconici di memoria all'interno di un paradigma di report parziale includono: visualizzare un'immagine mentre si mastica un pezzo di gomma. Ancora una volta, guarda l'immagine per non più di 2-5 secondi, prima di chiudere gli occhi (ma continuando a masticare la gomma). Riesci a ricordare più facilmente l'immagine che hai visto mentre masticavi una gomma? In tal caso, hai dimostrato la memoria iconica all'interno di un paradigma di report parziale.

Qual è la differenza tra memoria ecologica e memoria iconica?

La memoria ecologica è una forma di assunzione ed elaborazione uditiva, mentre la memoria iconica è una forma di assunzione ed elaborazione visiva. Sebbene siano due tipi separati di assunzione sensoriale e di elaborazione della memoria, esiste una situazione in cui possono essere fusi: procedura di segnalazione parziale. La procedura di referto parziale può essere utilizzata per fornire un referto parziale o un ricordo dello stimolo visivo insieme allo stimolo uditivo. Forse il modo più semplice per esemplificare sia la memoria iconica che quella ecologica in azione è visualizzare un'immagine - un dipinto di un uccello, forse - mentre si ascolta una serie di suoni, come tre note distinte al pianoforte. Ciascuno utilizza rispettivamente la memoria iconica ed ecologica, ma si aiuta a vicenda nel richiamo efficace.

Quale descrizione della memoria iconica è accurata?

La descrizione più efficace della memoria iconica è semplice: la memoria iconica è il primo stadio dell'assunzione e dell'elaborazione visiva. Sebbene parlare di rapporto parziale, rapporto completo, inizio dello stimolo, compensazione dello stimolo e gli effetti del mascheramento possono tutti convolgere e confondere le funzioni di base della memoria iconica, la base della memoria iconica è abbastanza semplice: il cervello umano ne prende stimoli visivi momento per momento, molti dei quali non è necessario ricordare. La memoria iconica prende queste immagini - le immagini di un divano mentre cammini, la vista di una mosca che ronza davanti a te o l'impressione di un'ombra alla tua sinistra mentre cammini - e le ordina rapidamente per essere scartati come informazioni o input non necessari, o archiviati nella fase successiva dell'elaborazione visiva, la memoria di lavoro visiva. Da lì, le immagini vengono scartate o mescolate nella memoria a breve termine, dove vengono nuovamente ordinate per essere scartate o inviate alla memoria a lungo termine. Se la memoria a lungo termine è la destinazione finale di una determinata immagine, la memoria iconica è il biglietto del treno acquistato per arrivarci.

Come posso migliorare la mia memoria iconica?

La memoria iconica non è necessariamente un impulso o un 'muscolo' che puoi 'esercitare'. Invece, la memoria iconica è il passo iniziale involontario nell'elaborazione visiva. Sebbene la memoria possa essere rafforzata con l'uso regolare e la pratica intenzionale, la memoria iconica non è in realtà un sito di archiviazione o un tipo di banca della memoria; invece, è il gatekeeper nell'elaborazione visiva. Le immagini vengono acquisite tramite la memoria iconica, indirizzate alla corteccia visiva e ritenute non necessarie o degne di essere archiviate. La memoria iconica può essere utilizzata brevemente per richiamare una piccola quantità di informazioni o, se vista insieme ad altri stimoli sensoriali, richiamare una maggiore quantità di informazioni attraverso un paradigma di report parziale. Il rapporto parziale consente alle persone di fornire più informazioni, ma è ancora soggetto alla natura rapida della memoria iconica.

Anche se non puoi migliorare la tua memoria iconica nello stesso modo in cui potresti lavorare per migliorare la tua memoria a breve o lungo termine, puoi esercitarti regolarmente nella procedura di segnalazione parziale per incoraggiare la tua capacità di fornire una relazione parziale. Per inserire con successo il paradigma della relazione parziale, visualizza un dato stimolo visivo mentre imputi un altro senso, come ascoltare una canzone o un suono specifico o masticare un cracker. Quando cerchi di richiamare l'immagine che stai cercando, utilizza lo stesso stimolo sensoriale e dovresti essere in grado di fornire un rapporto parziale, o una porzione maggiore dello stimolo visivo acquisito tramite la tua memoria iconica.