L'ADHD è ereditario?

Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività, comunemente chiamato ADHD, è un disturbo mentale piuttosto comune che causa modelli comportamentali di iperattività, impulsività e disattenzione. L'ADHD è una condizione cronica, il che significa che colpisce le persone per tutta la vita e non scompare semplicemente con l'avanzare dell'età. Questa condizione si presenta tipicamente durante lo sviluppo del bambino e l'età media della diagnosi è di sette anni.



Fonte: rawpixel.com



L'ADHD può causare interferenze sia nella vita dei bambini che in quella degli adulti. I sintomi caratteristici di comportamento impulsivo, iperattività e disattenzione possono tutti fornire sfide quando si tratta di prestazioni scolastiche e lavorative, relazioni, autostima e funzionamento quotidiano generale. Alcuni sintomi comuni dell'ADHD includono:

  • Difficoltà a stare fermo
  • Parlare costantemente, anche se inappropriato
  • Azioni impulsive
  • Impazienza
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Dimenticanza
  • Disorganizzazione

L'ADHD si sviluppa molto presto nella vita e non si forma casualmente in un bambino più grande o in un adulto. Questo pone la domanda: 'L'ADHD è ereditario?' Ebbene, l'ADHD è dimostrato di funzionare in famiglie. Tuttavia, l'esatto processo di eredità è ancora piuttosto sconosciuto.



Gli scienziati stanno studiando la condizione e restringendo i geni responsabili dello sviluppo dell'ADHD. Sebbene il disturbo sia presente nelle famiglie, non è una garanzia che un genitore con ADHD lo trasmetterà al proprio figlio.

Oltre alla genetica, ci sono molti altri fattori noti che si ritiene contribuiscano allo sviluppo dell'ADHD. Molti di questi fattori sono ambientali, inclusa l'esposizione a tossine durante la gravidanza, parto prematuro e trauma cranico, solo per citarne alcuni.

Sono in corso molte ricerche sull'ADHD e su come si sviluppa. Attualmente, ci sono ancora molte informazioni sul disturbo che non conosciamo.



prospettive teoriche in psicologia

Fonte: healthline.com

Come funziona l'ADHD

Gli scienziati sanno che l'ADHD colpisce il cervello in molti modi e in molte regioni. Si ritiene che la corteccia frontale sia gravemente colpita in quelli con il disturbo. La corteccia frontale ha molte responsabilità, con il funzionamento esecutivo uno scopo chiave. Le funzioni esecutive sono processi mentali che ci consentono di pianificare il futuro, prendere decisioni, avere inibizioni e influenzano anche la nostra capacità di attenzione. Molti dei sintomi dell'ADHD comportano difficoltà con queste funzioni esecutive.



Si ritiene che i neurotrasmettitori dopamina, serotonina e norepinefrina giochino un ruolo nell'ADHD. I neurotrasmettitori sono messaggeri chimici che consentono ai neuroni nel cervello di comunicare, e questo essenzialmente consente al cervello di funzionare normalmente.

La dopamina è un neurotrasmettitore che colpisce un'ampia varietà di processi nel cervello. Alcuni di questi processi includono attenzione, umore e movimento. La ricerca suggerisce che nelle persone che vivono con l'ADHD, il loro cervello rimuove la dopamina troppo rapidamente. Questa rapida rimozione della dopamina si traduce in livelli complessivamente più bassi nel cervello, che si ritiene sia responsabile di alcuni dei sintomi del loro disturbo.

La serotonina è un altro neurotrasmettitore e si ritiene che influenzi il sonno, la memoria e il comportamento sociale. Quando i livelli di serotonina sono bassi, queste funzioni possono essere influenzate negativamente.

La norepinefrina è un neurotrasmettitore e un ormone. È simile all'adrenalina ed è coinvolto nella risposta allo stress del corpo e nella vigilanza generale. La norepinefrina influisce su una varietà di processi, tra cui attenzione e concentrazione. Si ritiene che bassi livelli di norepinefrina siano, in parte, responsabili di alcuni dei sintomi dell'ADHD.

È importante capire che l'ADHD è influenzato da una grande varietà di processi cerebrali e neurotrasmettitori, ma si ritiene che dopamina, serotonina e norepinefrina svolgano ruoli importanti nel disturbo.



L'ADHD è ereditario?

Ci sono prove evidenti che l'ADHD sia di fatto genetico e si ritiene che l'ereditarietà sia la causa principale nella maggior parte delle diagnosi del disturbo. Questo disturbo è dimostrato di funzionare nelle famiglie. Un genitore con ADHD ha una probabilità del 50% di trasmetterlo al proprio figlio. In effetti, se a un bambino viene diagnosticato l'ADHD, c'è una probabilità che anche uno dei suoi genitori o parenti lo abbia, anche se potrebbe non essere diagnosticato. Questa ovviamente non è una regola, ma è una possibilità decente.

Si ritiene che molti geni diversi siano responsabili dell'ADHD. C'è un focus speciale sullo studio dei geni che influenzano il neurotrasmettitore dopamina a causa del suo ruolo nel disturbo.

Ricerca in corso

Quindi, l'ADHD è ereditario? La risposta a quella domanda è si. Tuttavia, gli scienziati stanno ancora cercando risposte su come si sviluppa esattamente il disturbo. Migliaia di studi sono stati condotti su persone con ADHD. Sono stati condotti studi che coinvolgono famiglie, gemelli e bambini adottati alla ricerca di geni specifici coinvolti nell'ereditarietà del disturbo. In uno di questi studi, i bambini iperattivi assomigliavano ai loro genitori biologici più dei loro genitori adottivi, sostenendo ulteriormente che l'ADHD è ereditato.

Mentre gli scienziati hanno trovato più possibili geni che potrebbero essere collegati all'ADHD, non è stato dimostrato che nessun gene specifico causi il disturbo. Poiché la condizione è così complessa, trovare specifici legami genetici con l'ADHD potrebbe essere rivoluzionario nell'aiutare a diagnosticare e trattare le persone con la condizione.

il bullismo

Fonte: rawpixel.com

Altre cause di ADHD

Mentre la genetica è responsabile della maggior parte dei casi di ADHD, anche i fattori ambientali giocano un ruolo nello sviluppo del disturbo.

Si ritiene che l'esposizione alle tossine durante la gravidanza o l'infanzia sia una possibile causa di ADHD. Quando il feto si sta sviluppando, è estremamente vulnerabile anche alla minima quantità di tossine ambientali. Anche neonati e bambini molto piccoli sono a rischio. Le tossine possono essere trovate in tutti i tipi di oggetti di uso quotidiano e prodotti chimici.

I prodotti per l'igiene, i prodotti per la cura del prato e il cibo possono tutti contenere sostanze chimiche e additivi che possono danneggiare il cervello in via di sviluppo di un feto, neonato o bambino. Un'altra tossina comune a cui i bambini piccoli sono spesso esposti è il piombo. Le persone possono essere esposte al piombo in diversi modi, ma la vernice al piombo e il piombo nell'acqua potabile sono due dei modi più comuni in cui può entrare nei loro corpi.

Oltre alle tossine dall'ambiente, le sostanze ingerite dalla madre possono anche causare danni diretti al bambino in via di sviluppo durante la gravidanza. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), 'l'esposizione prenatale al fumo è associata a disturbi comportamentali distruttivi nei bambini, tra cui ADHD, ODD e MC'. Non è ancora chiaramente compreso come il fumo di tabacco durante la gravidanza possa contribuire all'ADHD, ma il collegamento c'è. L'uso di alcol e altre droghe durante la gravidanza è stato anche associato all'ADHD e ad altri disturbi cognitivi nei bambini.

Prove emergenti dimostrano che il trauma cranico e le lesioni cerebrali traumatiche possono anche aumentare il rischio di ADHD nei bambini. Gravi lesioni al cervello, specialmente durante i primi anni di sviluppo all'inizio della vita del bambino, possono causare interruzioni nel funzionamento cognitivo. Problemi a lungo termine con concentrazione, impulsi e attività motoria sono tutti potenziali risultati di un grave trauma cranico.

Inoltre, non ci sono prove comprovate a sostegno delle affermazioni secondo cui giocare ai videogiochi, guardare la televisione o mangiare troppo zucchero sono potenziali cause di ADHD.

Se ho l'ADHD, lo avrà anche mio figlio?

Quando si hanno figli, è comprensibile considerare quali possibili condizioni genetiche potresti trasmettere a tuo figlio. Molti genitori affetti da questo disturbo si chiedono: 'l'ADHD è ereditario?' Quando apprendono la risposta, possono sentirsi in colpa per la possibilità di trasmettere il loro disturbo. È importante sapere che avere l'ADHD non garantisce che anche tuo figlio lo abbia. È vero, tuttavia, che l'ADHD è familiare e la genetica è la causa principale del disturbo.

Capire che ci sono buone possibilità di trasmettere l'ADHD a tuo figlio è una cosa importante da considerare. Tuttavia, molti bambini nascono da un genitore con ADHD e non sviluppano il disturbo da soli. Trasmettere la condizione non è una cosa sicura. Allo stesso modo, i bambini possono essere diagnosticati con ADHD anche quando non hanno parenti con il disturbo.

Puoi sviluppare l'ADHD?

Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività è un disturbo permanente. La condizione causa schemi ripetuti di iperattività, impulsività e disattenzione. Lo sviluppo dell'ADHD si verifica in età molto giovane e può essere causato da molti fattori diversi.

L'ADHD è ereditario? In poche parole, sì, l'ADHD è spesso ereditato. Gli studi dimostrano che l'ADHD è familiare. Si ritiene che i geni che coinvolgono il neurotrasmettitore dopamina facciano parte dell'ereditarietà dell'ADHD, sebbene questo sia un processo molto complesso e ancora in gran parte sconosciuto.

Oltre alla genetica, una varietà di fattori esterni può portare allo sviluppo dell'ADHD. L'esposizione a determinate sostanze tossiche in utero o in tenera età può interrompere lo sviluppo del cervello e causare il disturbo. Si ritiene che anche gravi traumi cranici e lesioni cerebrali traumatiche in giovane età siano una possibile causa di ADHD. È ampiamente riconosciuto che l'ADHD non si sviluppa nella tarda infanzia o nell'età adulta. È una condizione che inizia nei primi anni di vita. Detto questo, è possibile che le persone con ADHD possano non essere diagnosticate per anni e rendersi conto della loro condizione più tardi nella vita.

Se tu o qualcuno che conosci sta lottando con l'ADHD, o qualsiasi altro problema, contatta BetterHelp oggi per parlare con un consulente qualificato.