Come superare la dipendenza da cibo: mangiare per forza

'Sto mangiando i miei sentimenti.' È una frase usata spesso e abbastanza innocentemente per descrivere l'uso del cibo come metodo per affrontare. È spesso parlato con una certa umiltà, o con un tocco divertente, sia che venga detto in uno show televisivo, sia che provenga dalla bocca di un amico. Sebbene l'idea di mangiare per conforto piuttosto che nutrimento sia familiare ai più, raramente riceve il tipo di esame, considerazione o pausa che altre forme di coping come l'abuso di sostanze, diciamo, o il perseguimento di picchi di adrenalina attraverso gli sport estremi. Nonostante la sua designazione presumibilmente innocua, mangiare per conforto e mangiare per far fronte sono comportamenti potenzialmente pericolosi e sono spesso segni di dipendenza da cibo.

Cosa definisce la dipendenza?

Fonte: pexels.com

Il termine 'dipendenza da cibo' è in realtà alquanto controverso. Non esiste una definizione unica e condivisa di dipendenza da cibo nel Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali (DSM). Il termine dipendenza è usato quasi esclusivamente per descrivere un grave abuso di sostanze. Di conseguenza, è difficile creare una definizione clinicamente valida di dipendenza, inclusa la dipendenza da cibo. Invece, sono state avanzate diverse definizioni, la maggior parte suggerendo che la dipendenza è un comportamento compulsivo che porta effetti negativi alla persona che si impegna nel comportamento o nella dipendenza. Secondo questa definizione, molti comportamenti e tendenze si qualificano come dipendenze e questa è una cosa positiva. Rifiutarsi di riconoscere la natura intensa, travolgente e apparentemente impossibile da superare della dipendenza combatte contro la guarigione e la crescita. Riconoscere l'esistenza della dipendenza è un elemento essenziale per mitigarne gli effetti.



Cos'è la dipendenza da cibo?

Se la dipendenza è un amore compulsivo e malsano o un uso di un oggetto, la dipendenza da cibo è l'uso compulsivo, incontrollato e malsano del cibo. In alcuni casi, la dipendenza da cibo è l'eccesso di cibo o il binge eating, mentre in altri la dipendenza da cibo non deve essere eccessiva in termini diquantità consumata, ma nell'attenzione ad esso. La dipendenza può essere cibi troppo malsani, ricchi di grassi e zuccheri malsani, o di cibi in generale, piuttosto che essere limitata a un tipo specifico. Tuttavia, è più comune diventare dipendenti da cibi iper appetibili. Il tipo di cibo non fa necessariamente la dipendenza: la risposta al cibo è il fattore di differenziazione. Per questo motivo, la dipendenza da cibo non deve dipendere da alcun tipo specifico di cibo, cibo o abitudine alimentare (l'ora del giorno, ad esempio).



Su questa nota, però, va menzionato: la dipendenza da cibo non deve essere confusa con la pica, una condizione caratterizzata dal sentire la compulsione a consumare prodotti non alimentari, come il gesso o lo sporco. Sebbene questi possano sembrare segni di dipendenza, poiché è una compulsione a consumare, la pica è tipicamente guidata da una carenza nutrizionale o da un disturbo d'ansia e funziona a un livello separato dalla dipendenza.

Sintomi della dipendenza da cibo

Fonte: rawpixel.com

I sintomi della dipendenza da cibo sono gli stessi dei sintomi della dipendenza: voglie, vergogna, irritabilità e compulsione. Sebbene sentire la fame da solo sia un'indicazione fisiologica, piuttosto che un sintomo, provare fame solo verso un tipo specifico di cibo potrebbe indicare una dipendenza. Questi alimenti sono tipicamente ricchi di zuccheri e grassi e innescano un'elevata risposta di piacere nel corpo e nel cervello.



La dipendenza da cibo è implicata se un individuo:

  • Desidera un particolare insieme di cibi. Se le voglie di cibo non segnalano un bisogno nutrizionale o indicano la presenza di fame. Invece, punta verso cibi carenti di nutrienti, ipercalorici, ricchi di grassi e zuccheri, è più probabile che sia in gioco la dipendenza da cibo rispetto alla pura fame o desiderio.
  • Consuma cibo senza bisogno biologico o sociale. Mangiare cibo senza realmente provare fame indica qualcos'altro in gioco, perché il corpo non è progettato o attrezzato per assumere regolarmente calorie in eccesso e cibi a bassa densità di nutrienti e così facendo si possono creare effetti negativi nel corpo.
  • Consuma cibo per intorpidire o affrontare il dolore o altre sensazioni spiacevoli. Se il consumo di cibo viene fatto sulla scia del sentirsi tristi, sopraffatti o altri sentimenti spiacevoli, indica che il cibo viene utilizzato per intorpidire o far fronte, piuttosto che essere consumato per il carburante o la sopravvivenza.
  • Prova vergogna o imbarazzo dopo aver mangiato. Mangiare non è un evento vergognoso, imbarazzante o inappropriato; è normale, naturale e necessario. Se mangiare è accompagnato da vergogna o imbarazzo e non si riesce a smettere di mangiare, la causa potrebbe essere la dipendenza da cibo.

Le radici sottostanti della dipendenza da cibo

In alcuni casi, la dipendenza da cibo potrebbe avere un ciclo preoccupante; l'eccesso di cibo ad alto contenuto di zucchero e ad alto contenuto di grassi porta ad illuminare i centri del piacere del cervello, che possono creare una risposta altamente stimolante, simile alla risposta di dipendenza provocata dall'abuso di sostanze. La dipendenza da cibo in questi casi può sembrare un ciclo perennemente rinnovato. Sebbene il cibo possa non portare con sé lo stesso effetto intenso fornito da una sostanza illecita, i cibi ricchi di zuccheri e grassi possono avere un impatto significativo sul corpo e sul cervello. Possono causare un maggiore desiderio o dipendenza da cibi malsani. Rivolgersi a questi alimenti come meccanismo di coping può innescare sintomi di dipendenza da cibo sia psicologici che fisiologici.

poesie sulla felicità

La dipendenza da cibo, come altre forme di dipendenza, ha spesso radici profonde in sentimenti di ansia, inadeguatezza e persino traumi, che possono portare a meccanismi di coping malsani, compreso il consumo di cibo. Alcuni di questi sono radicati nei mali dell'infanzia, alcuni sono radicati nell'adolescenza o nella giovane età adulta, e alcuni di essi sorgono dopo anni di scarse capacità di coping modellate. Indipendentemente dalla fonte precisa del meccanismo di coping della dipendenza, la dipendenza da cibo può essere affrontata e curata. Il superamento della dipendenza da cibo è possibile, spesso attraverso trattamenti concomitanti con altri specialisti della salute.



Come superare la dipendenza da cibo: imparare a mangiare per forza

Fonte: rawpixel.com

La dipendenza da cibo può essere una condizione unica in quanto spesso viene trattata al meglio attraverso più modalità terapeutiche, comprese modalità non direttamente correlate alla psicologia e alla psicoterapia. La terapia alimentare, la terapia nutrizionale e la valutazione medica possono svolgere un ruolo nel viaggio verso il superamento della dipendenza da cibo, poiché potrebbe esserci molto più di un fattore in gioco. Ci sono risposte fisiologiche distinte che si verificano quando un individuo mangia troppo, limita il cibo o mangia cibo in risposta a stress o sopraffazione, e lavorare attraverso questi schemi può aiutare a migliorare la probabilità di superare la dipendenza da cibo.

Forse uno dei più grandi aiuti nel cambiare l'atteggiamento nei confronti del cibo, della dipendenza da cibo e dei comportamenti verso il cibo è la comprensione che il cibo non è una ricompensa o una punizione. Il cibo non deve essere negato ai cattivi e ammucchiato sui degni. Il cibo è letteralmente il carburante su cui il corpo fa affidamento per funzionare giorno dopo giorno e svolge un ruolo fondamentale per l'esistenza come l'aria. A differenza di molte altre sostanze che creano dipendenza, il cibo non è illecito o intrinsecamente dannoso; è vivificante e vivificante. Superare la dipendenza da cibo e imparare a mangiare per forza, coinvolge più angolazioni. Questi includono:

  • Imparare esattamente come funziona il cibo nel tuo corpo, cosa serve per mangiare in modo sano e nutriente e cosa significa mangiare troppo e punire costantemente con il cibo aiuterà a sviluppare un rapporto più sano con il cibo. Una maggiore comprensione di come il tuo corpo può usare il cibo per forza e vitalità, piuttosto che come meccanismo di coping o forma di narcotico.
  • Fare il punto. È molto probabile fare il punto sulle abitudini alimentari, soprattutto quando si mangia come meccanismo di coping. Per alcune persone, ad esempio, il cibo viene utilizzato principalmente come mezzo per alleviare lo stress. La dipendenza da cibo può essere indissolubilmente legata all'ansia e ai fattori di stress. Per altri, il cibo potrebbe essere una fonte di punizione, mangiando al punto da sentirsi male o vergognarsi. In questo caso, la dipendenza da cibo potrebbe essere nata da una bassa autostima cronica. Fare un bilancio aiuterà a iniziare a scomporre i fattori scatenanti più probabili dell'indulgenza alla dipendenza da cibo e può aiutare a scoprire alcune delle ragioni alla base della dipendenza.
  • Imparare a conoscere te stesso. Imparare a conoscere le tue simpatie e antipatie, i tuoi punti di forza e di debolezza e il tuo dolore e piacere può aiutarti ad allontanarti dalla dipendenza perché può alleviare alcune delle incertezze contro cui il cibo viene utilizzato. La dipendenza è più comunemente sviluppata dopo un trauma, dolore, ansia o depressione perché tutte queste cose possono rendere la vita troppo insopportabile senza un aiuto esterno. Identificare quale di queste si applica a te e quale di queste no può aiutarti a iniziare un percorso verso la guarigione di qualsiasi trauma, dolore, ansia o depressione, che può aiutare ad alleviare il desiderio o la necessità di narcotizzare.

Guarigione dalla dipendenza da cibo

Fonte: pexels.com

Non tutti i terapisti saranno d'accordo sulla dipendenza da cibo. Alcune scuole di pensiero non riconoscono formalmente la dipendenza da cibo come un disturbo identificabile. Al contrario, altri sosterranno che qualsiasi forma di dipendenza è una forma legittima di abuso di sostanze. La sostanza è irrilevante perché l'abuso è il problema. Quando lavori per trovare una terapia o un terapista che ti aiuti a trattare e superare la dipendenza da cibo, assicurati di trovare qualcuno che capisca che la dipendenza da cibo è una preoccupazione legittima, poiché questo sarà fondamentale nella creazione di un piano di trattamento. Potrebbero esserci terapisti nella tua zona che hanno familiarità o sono specializzati nel trattamento della dipendenza da cibo, oppure potrebbe essere meglio cercare l'aiuto della terapia online, come la terapia fornita tramite BetterHelp, per trovare una gamma più ampia di terapisti. Qualunque sia la strada che scegli, seleziona un terapista che sia disposto e in grado di intraprendere un viaggio di recupero dalla dipendenza da cibo con te.



I segni ei sintomi della dipendenza da cibo possono imitare da vicino altri disturbi, come i disturbi alimentari e possono anche prosperare in concomitanza con detti disturbi. La questione di 'come superare la dipendenza da cibo', spesso non è un percorso semplice, ma è invece un percorso segnato da numerosi fornitori e modalità di guarigione, inclusi interventi dietetici, cambiamenti nello stile di vita, intervento medico e terapia. Imparare a superare la dipendenza da cibo può essere difficile, poiché il cibo non è qualcosa da cui puoi semplicemente astenersi, per misurare la sobrietà, e il recupero può essere sfumato. Avere una squadra in atto che può aiutare a guidare e celebrare la guarigione dalla dipendenza da cibo è fondamentale. Se credi o sospetti che tu o qualcuno che ami abbia una dipendenza da cibo, il primo passo è riconoscere che il comportamento incentrato sul cibo è diventato ingestibile. Il passo successivo per la guarigione è chiedere aiuto a una persona cara, un terapista, un medico di base o anche un programma in 12 fasi. Non cercare di combattere questa battaglia da solo.