L'attacco di panico: cos'è, come ci si sente e come affrontarlo


Fonte: pexels.com

Il disturbo di panico è un problema di salute mentale che colpisce almeno il 5% della popolazione ad un certo punto della vita (Roy-Byrne, Craske, & Stein, 2006; Torpy, Burke e Golub, 2011). Gli attacchi di panico e le relative lamentele sono una preoccupazione diffusa nella comunità medica con un numero crescente di persone viste ogni anno nei pronto soccorso (Kao et al., 2014), c'è bisogno di una maggiore ricerca sulla varietà di modi in cui si manifestano gli attacchi di panico nei malati e come trattarli al meglio.



Una vasta gamma di sintomi causa confusione



Uno dei motivi delle diverse diagnosi e delle preoccupazioni tra i medici e i professionisti della salute mentale riguardo ai diversi tipi di attacchi e disturbi di panico è che i sintomi stessi variano ampiamente (Kircanski, Craske, Epstein e Wittchen, 2009). I sintomi più comuni associati a un attacco di panico sono la paura, o anche un forte terrore e sentimenti di ansia. Questi sono quelli che sono considerati sintomi cognitivi e spesso sono noti solo all'individuo. I sintomi fisiologici standard includono battito cardiaco accelerato, aumento della respirazione, sudorazione, arrossamento del viso o macchie sulla pelle. In casi estremi di attacco di panico, potrebbero essere coinvolti nausea, vomito o persino diarrea (Roy-Byrne, Craske e Stein, 2006).

I criteri del DSM-5 per il disturbo di panico includono attacchi di panico ricorrenti entro 30 giorni, con la preoccupazione di averne un altro e di subire le conseguenze di un attacco di panico. Il disturbo di panico appartiene a una famiglia di malattie mentali legate all'ansia. Altri includono agorafobia, disturbo d'ansia, ansia generalizzata, disturbo ossessivo-compulsivo, ansia sociale, fobie (Torpy et al., 2011) e persino disturbo da accumulo (Raines, Oglesby, Short, Albanese e Schmidt, 2014). Questo elenco non è esaustivo, e questo è uno dei motivi della difficoltà nell'individuare le origini.



non ottenere quello che vuoi

Attacco di panico con altri disturbi associati

Gli studi negli ultimi anni hanno concentrato molta attenzione sui fattori di comorbilità relativi agli attacchi di panico. Comune a molti malati di attacchi di panico è l'abuso di sostanze (Potter et al., 2014). Non è raro che le persone con malattie mentali si auto-medichino. Pertanto, un individuo con grave ansia o attacchi di panico potrebbe usare marijuana o alcol per alleviare l'ansia o ritardare un attacco. Questa strada è pericolosa da perseguire a causa del rischio di dipendenza da sostanze, che serve solo ad aumentare la sintomatologia fisiologica e cognitiva in quanto sono strettamente correlate ai sintomi di astinenza (Roy-Byrne, Craske e Stein, 2006).

Altri fattori di comorbilità includono due o più disturbi legati all'ansia, come disturbo d'ansia sociale, agorafobia e depressione (Brown et al., 2016). La sintomatologia tra questi è così simile da rendere difficile la diagnosi e il trattamento (Torpy et al., 2011). Uno dei fattori chiave nel determinare se un attacco di panico può essere dovuto a un disturbo di panico è se c'è stato un episodio depressivo maggiore in passato. I ricercatori hanno anche scoperto che la maggior parte delle persone con disturbo di panico ha avuto due attacchi principali, uno durante l'adolescenza e uno durante la fine degli anni trenta, ancora una volta, con le donne rappresentate più spesso degli uomini (Katon, 2006).

Non ci sono dati empirici a supporto dei fatti sul motivo per cui gli insorgenze si verificano durante questi due periodi, si potrebbe dedurre che l'esordio sia dovuto all'ansia relativa all'essere un adolescente con l'età adulta di fronte (Hayward, Killen, Kraemer e Taylor 2000 ), e di essere un adulto alla fine degli anni '30 con così tanto ancora da fare, come stabilirsi professionalmente, possedere una casa e avere figli.



Teorizzazione dell'ignoto

Roy-Bryne, Cask e Stein (2006) descrivono ciò che è noto sugli attacchi di panico come 'impreciso, sebbene una maggiore comprensione' dei trattamenti. Gli autori suggeriscono inoltre che portare la ricerca più attuale e pertinente in prima linea nell'industria medica e della salute mentale è vitale a causa della crescente incidenza degli attacchi di panico. Attualmente, il numero di studi e argomenti è ampiamente diversificato.

Un gruppo di ricercatori (Asnaani, Gutner, Hinton e Hofmann, 2009) ha esaminato la razza e l'etnia come predittori del disturbo di panico. Hanno scoperto che gli individui bianchi sono più inclini agli attacchi di panico rispetto alle loro controparti nere, asiatiche o ispaniche. Gli autori hanno indicato che ciò potrebbe essere dovuto alla cultura bianca, che ha avuto la paura instillata di morire di malattia in generale, ma in particolare di morire di infarto. Le conclusioni che hanno tratto per qualsiasi discrepanza nella loro ricerca, cioè che gli asiatici non fossero più tesi e inclini all'ansia, si basavano su fattori di assimilazione, cioè diventavano più americanizzati.



Le teorie più salienti includono fattori genetici, vita stressante, depressione passata o un evento traumatico. Anche con questo campo ristretto, diversi studi li analizzano in sottoinsiemi più piccoli l'uno dell'altro. Ad esempio, Zvolensky, Feldner, Leen-Feldner e McLeish, (2005) hanno esaminato la correlazione tra fumo di sigaretta e attacchi di panico. Hanno scoperto che un numero maggiore di persone fuma a causa dell'ansia. Poiché la nicotina colpisce il sistema nervoso centrale, agisce come stimolante, l'uso di nicotina potrebbe spiegare un aumento della frequenza cardiaca e problemi respiratori.

Esistono alcuni studi che suggeriscono che l'ansia potrebbe essere stagionale, correlata alle vacanze (Kao et al., 2014) o relativa a uno o più giorni della settimana. Kao et al. (2014) hanno riscontrato un aumento dei casi di pronto soccorso riguardanti ansia e attacchi di panico. Sono stati condotti molti studi sul disturbo affettivo stagionale (Kurlansik e Ibay, 2012), un tipo di depressione stagionale che generalmente si verifica durante i mesi invernali quando gli individui non sono esposti al sole o non sono così sociali. L'ansia stagionale potrebbe essere correlata a ciò, a causa della paura di diventare depressi.

Carleton, Fetzner, Hackl e McEvoy (2013) ipotizzano che alcuni individui soffrano di attacchi di panico a causa dell'incertezza del disagio dell'ignoto, mentre altri propongono che gli individui siano presi dal panico per eventi anticipati o anche per il panico o la depressione stessi (Helbig-Lang, Lang, Petermann e Hoyer, 2012). Si può ragionare che entrambi sono legati a esperienze passate, o almeno a una storia di immaginazione di un evento catastrofico.

Si ritiene che l'immaginazione di un evento socialmente catastrofico sia un importante fattore alla base del disturbo d'ansia sociale (Brown et al., 2016). Alcuni pensano che l'ansia sociale sia comorbilità per il disturbo di panico (Potter et al., 2014); altri ritengono che dovrebbe essere considerato un disturbo dello spettro per il disturbo di panico (Zvolensky, Feldner, Leen-Feldner e McLeish, 2005). Molti attacchi di panico sono legati all'incertezza degli eventi sociali o alla paura di avere un attacco di panico in un contesto sociale o pubblico (Brown et al., 2016).

Il fattore paura di tutto



costo psichiatra


Fonte: pexels.com

Zvolensky et. La ricerca di al. (2005) discute la prevalenza di attacchi di panico situazionali su disturbi di panico, ansia sociale e agorafobia, indicando che gli attacchi di panico situazionali vengono aggiunti ai criteri diagnostici con alcuni disturbi psichiatrici nel DSM-5. L'ansia situazionale o gli attacchi di panico si verificano quando gli individui diventano iper ansiosi per determinati eventi, luoghi o persino persone.

Ad esempio, se una persona è stata rimproverata al lavoro, potrebbe evitare di andare a lavorare per paura di ulteriori rimproveri, anche quando non vi è alcuna indicazione che ce ne sia uno imminente (Carleton et al., 2014). Sembra controintuitivo per questo individuo evitare il lavoro, magari arrivare in ritardo o addirittura perdere giorni. Tuttavia, quando qualcuno soffre di un disturbo correlato all'ansia, perde la capacità di pensare in questi termini poiché il suo obiettivo è proteggersi dal disagio.

Esiste una preponderanza di ricerche a sostegno del pensiero che le persone affette da disturbi d'ansia generalizzati siano più suscettibili agli attacchi di panico o ai disturbi di panico (Van Ameringen, Simpson, Patterson e Mancini, 2013). Quando a una persona viene diagnosticato un disturbo d'ansia generalizzato, è perché mostra sintomi di ansia sia cognitivi che fisiologici per un periodo prolungato, ma non sembrano essere trigger specifici per l'ansia (Tull, Stipelman, Salters-Pedneault, & Gratz, 2009). Questa descrizione ricorda l'episodio di Charlie Brown quando Lucy fornì una diagnosi che includeva la 'paura di tutto'.

Il riferimento a Charlie Brown non vuole certo fare luce sulla situazione. Charlie Brown era inteso come un'allegoria per i tempi sociali e politici in cui il fumetto è stato creato dopo la guerra di Corea e durante la guerra del Vietnam. C'era così tanta incertezza in quei tempi; il mondo stava cambiando, nel mezzo della guerra all'estero, c'era la guerra nelle strade degli Stati Uniti mentre le persone di colore combattevano per i loro diritti civili. Charlie Brown, essendo un giovane maschio bianco della classe media suburbana, aveva motivo di essere iper-ansioso. In effetti, si adatterebbe sicuramente al modello per gli studi di Carleton, Fetzner, Hackl e McEvoy (2013) sugli attacchi di panico e sull'intolleranza all'incertezza.

Niente da temere, ma temere se stessi

Negli ultimi anni c'è stato un aumento delle visite al pronto soccorso legate ad attacchi di panico; molti pensano che ciò possa essere ancora correlato agli attacchi dei 911 (Van Ameringen, Simpson, Patterson e Mancini, 2013) quando improvvisamente il mondo intero sembrava vivere sull'orlo dell'incertezza. A causa della varietà di sintomatologia che i pazienti presentano in queste visite, i medici si sono resi conto che i casi di studio possono essere il mezzo più affidabile per raccogliere dati empirici sugli attacchi di panico (Katon, 2006).

Sebbene siano necessari studi sperimentali controllati e abbiano promosso la ricerca, molti dei risultati sembrano essere inaffidabili. Ad esempio, in uno studio recente (Meuret et al., 2011) i partecipanti, maschi e femmine, sapevano di essere stati osservati e di essere attaccati a macchine per monitorare la frequenza cardiaca e respiratoria. Lo scopo di questo studio era di misurare il verificarsi di attacchi di panico spontanei senza trigger. Ciò che lo studio ha scoperto è che c'erano modelli di instabilità rilevati diversi minuti prima dell'inizio dell'attacco e l'effettivo inizio era segnalato da un aumento della frequenza cardiaca. È ragionevole dedurre che i soggetti, che hanno firmato consensi informati ed erano attaccati a monitor cardiaci e respiratori, hanno subito attacchi di panico perché era previsto o anticipato (Helbig-Lang, Lang, Petermann e Hoyer, 2012).

Alcuni ricercatori suggeriscono anche che gli attacchi di panico possono essere causati dalla paura della morte o della malattia, questo è stato un fattore che ha contribuito allo studio etnico in cui gli autori hanno ipotizzato che gli americani bianchi avevano maggiori probabilità di avere paura dei problemi di salute (Asnaani, Gutner, Hinton , & Hofmann, 2009). L'idea che i problemi di salute siano principalmente un tratto dei bianchi americani non è qualcosa che darebbe molto credito. Tuttavia, è ragionevole presumere che chiunque soffra di un attacco di panico con dolori al cuore e al petto, potrebbe provare paura di avere un attacco di cuore (Carleton et al., 2014), il che, a sua volta, aumenterebbe i sentimenti di panico.

Dove è coinvolto il cuore: ottieni una seconda opinione

In un altro studio, i ricercatori hanno scoperto che ci sono episodi di attacchi di panico non legati alla paura e non cardiaci (Foldes-Busque et al., 2015). In questi casi, un individuo si presenta al pronto soccorso o all'ambulatorio del medico che presenta dolori al petto, presume che sia correlato al cuore, ma i test non lo supportano. Quando gli viene detto che stanno avendo un attacco di panico, perché non hanno avvertito i sintomi cognitivi della paura, la sensazione di perdere il controllo o di impazzire, le persone lo ignorano. Nei risultati del sondaggio, Foldes-Busque et al. (2015) hanno scoperto che queste persone avevano meno probabilità di seguire un professionista della salute mentale.


Fonte: pxhere.com

In un caso che ha coinvolto una donna di 48 anni che presentava sintomi di un attacco di panico con sintomatologia sia cognitiva che fisica, cioè paura, battito cardiaco accelerato, dolore toracico, aumento della respirazione, perché era una donna bianca di mezza età, il i medici del pronto soccorso le hanno immediatamente diagnosticato un attacco di panico. Tuttavia, dopo aver esaminato la sua storia medica, non le era mai stata diagnosticata la depressione, a parte un lieve post-partum 12 anni prima, non aveva mai avuto un attacco di panico e non poteva pensare a nulla che accadesse nella sua vita che potesse contribuire a un attacco di panico .

quando parlo con te mi sento felice

Se non avesse indossato un calco per una caviglia rotta, i medici avrebbero potuto mandarla via con una prescrizione di benzodiazepine e chiamarla un giorno. Tuttavia, il medico (Schlicht et al., 2014) che ha documentato il suo caso come momento di insegnamento, ha scoperto che lei, di fatto, presentava questi sintomi a causa della diminuzione della circolazione, che causava sintomi di ipertensione legati alla trombosi ventricolare che si era formata. nella gamba con il cast. Se fosse stata rimandata a casa, potrebbe aver avuto un infarto o un ictus in un momento successivo.

Ricerca ovunque, ancora non sai cosa pensare

Sembra non esserci fine alla ricerca sugli attacchi di panico e sui disturbi di panico. La maggior parte suggerisce risultati che sembrano buon senso. Ad esempio, uno studio ha scoperto che gli agorafobici possono provare ansia a causa della mancanza di assertività (Levitan, Simoes, Sardinha e Nardi, 2016). Tuttavia, la ricerca è necessaria, e in particolare la ricerca che coinvolge studi di casi con individui che documentano le loro esperienze organiche con attacchi di panico (Katon, 2006). Per questi individui, la paura di dover affrontare qualcuno, o la paura di prendere un posto vacante in autobus perché qualcun altro potrebbe volerlo, potrebbe significare che il loro panico è la loro reazione alla loro mancanza di assertività. Questa informazione è qualcosa che un terapeuta dovrebbe sapere per lavorare al meglio con un cliente.

Conclusione e raccomandazioni

Avere una maggiore comprensione delle varie forme e ragioni per cui le persone hanno attacchi di panico è utile. Alcuni ricercatori ritengono che l'ansia e il panico siano dovuti a una forma di condizionamento classico non intenzionale, che a sua volta fa sì che l'individuo si generalizzi eccessivamente. Di conseguenza, sperimenta attacchi di panico in risposta a stimoli o eventi non correlati. Ad esempio, una persona potrebbe sviluppare una paura condizionata delle figure autoritarie a causa del fatto di essere cresciuta con un padre severo (Lissek et al., 2010). Avere una maggiore comprensione ha portato a riconoscere la necessità di una ricerca ampliata dei sottotipi di disturbo di panico (Kircanski, Craske, Epstein e Wittchen, 2009). Se l'incertezza, la paura dell'ignoto e la paura di avere un attacco di panico contribuiscono e peggiorano gli attacchi di panico, allora sicuramente una maggiore conoscenza può fornire una certa misura di conforto ai malati.

Una maggiore comprensione degli attacchi di panico può portare a una maggiore comprensione di come trattare gli attacchi di panico. Le modalità di trattamento di maggior successo includono una combinazione di terapie cognitive e comportamentali. La terapia cognitiva aiuta l'individuo a esplorare i modelli di pensiero e identificare i trigger in modo che possa autoregolarsi. Ad esempio, se è vero che l'anticipazione di un attacco di panico aumenta il verificarsi e media la gravità, chi soffre di attacco di panico può utilizzarlo a proprio vantaggio.

Con la terapia comportamentale, i clienti imparano a cambiare i comportamenti utilizzati per proteggere o evitare il fattore di stress. Questi sono solitamente comportamenti negativi. Come l'individuo che per paura di essere rimproverato si prende giorni di malattia o si riferisce a lavorare fino a tardi. Queste azioni sono controintuitive e controproducenti. Attraverso una combinazione di modalità cognitive e comportamentali, questo cliente può imparare a cambiare i modelli di pensiero e le reazioni comportamentali ad essi. L'individuo in questa illustrazione mancava anche di assertività, che come suggerito da Levitan, Simoes, Sardinha e Nardi (2016), potrebbe portare a rimanere nella zona di comfort per evitare il confronto o dover difendere le proprie azioni. Se una persona ha molto tempo per malattia e lo usa, ci sono prove sufficienti per suggerire che questa persona soffra di agorafobia.

Ci sono passaggi che una persona che sente in arrivo un attacco di panico può intraprendere per ridurre i livelli di ansia e placare del tutto l'attacco. La regolazione della respirazione è uno di questi mezzi (Birch, 2015) e una discreta quantità di ricerche suggerisce che eseguendo valutazioni cognitive, autovalutazione dei processi di pensiero, ciò ridurrà la risposta ai trigger. Se un individuo è in grado di riconoscere i trigger e cosa sta succedendo a se stesso in modo cognitivo, allora l'individuo può utilizzare esercizi di respirazione (Helbig-Lang, Lang, Petermann e Hoyer, 2012).

Per l'individuo che subisce un attacco di panico o che vive nel terrore di avere il prossimo, la vita è scomoda e la paura può persino rivelarsi debilitante. È importante riconoscere che per la persona che non soffre di un disturbo correlato all'ansia o che non si trova nel mezzo di una situazione stressante che ha provocato un attacco di panico, gran parte di ciò che viene affrontato in questo articolo sembra così semplice . Potrebbe essere che attraverso la consapevolezza della semplicità, la persona con ansia si senta ancora di più a causa di sentimenti di impotenza.

Se un individuo ha una condizione che interferisce con la sua capacità di funzionare, è un disturbo. Se questa condizione è correlata al funzionamento mentale e alle emozioni, è classificata come disturbo mentale. Cercare una terapia per attacchi di panico o disturbo di panico è di routine come cercare cure da uno specialista dell'orecchio, del naso e della gola per un raffreddore ostinato. È importante vedere qualcuno che abbia l'istruzione e il background necessari per aiutare.

Per l'individuo che soffre di attacchi di panico, l'atto di cercare aiuto può essere difficile. I familiari e gli amici possono aiutare. La terapia cognitivo-comportamentale ricevuta faccia a faccia o da un terapista online può aiutare le persone che soffrono di attacchi di panico a riqualificare il loro pensiero e i loro comportamenti. Nati dalla preponderanza della ricerca sui disturbi legati all'ansia, i ricercatori con una comprensione dell'importanza di ottenere la terapia, ma anche comprendendo le barriere per impegnarsi ad essa, hanno condotto studi di confronto con i clienti che hanno ricevuto una terapia faccia a faccia settimanalmente sessioni con coloro che hanno partecipato a moduli online e poi 'incontrati' via e-mail con i loro terapisti una volta alla settimana per discutere i progressi. Lo studio ha mostrato che i benefici della terapia online erano complessivamente uguali a quelli del faccia a faccia per i clienti con disturbi legati all'ansia (Carlbring et al., 2005).


Fonte: jisc.ac.uk

I vantaggi della terapia online per il trattamento dei disturbi legati all'ansia sono gli stessi di altri clienti che cercano una terapia per la salute mentale, poiché un attacco di panico è una caratteristica comune di molti disturbi di salute mentale.

Il trattamento per la salute mentale online è:

  • un'alternativa moderna all'andare in ufficio
  • conveniente
  • può diminuire lo stato di eccitazione.
  • i clienti possono essere più propensi a partecipare, in quanto dovrebbero dimostrarsi meno ansiosi senza altri fattori che potrebbero portare ad attacchi di panico come: prepararsi, essere puntuali, traffico, aspetto fisico, autocoscienza, ecc.

Indipendentemente dal mezzo di trattamento selezionato, è importante che coloro che soffrono di attacchi di panico chiedano aiuto a un professionista qualificato. Gli attacchi di panico privano le persone di tempo, esperienza ed energia. La terapia può aiutare le persone che soffrono di attacchi di panico a riprendere il controllo della propria vita e migliorare il proprio tenore di vita.