Chi può diagnosticare l'ADHD?

Cos'è l'ADHD?

Fonte: pxhere.com



Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività, noto anche come ADHD, è una condizione cronica comune che include difficoltà di attenzione, iperattività e impulsività. Non deve essere confuso con il disturbo da deficit di attenzione, o ADD, che è una condizione simile che esclude l'iperattività.



Che cosa causa l'ADHD?

Il National Institute of Mental Health e il National Institutes of Health hanno ricercatori che attraversano gli Stati Uniti e studiano le cause dell'ADHD. Secondo il National Institute of Mental Health, 'la ricerca attuale suggerisce che l'ADHD può essere causato da interazioni tra geni e fattori ambientali o non genetici.' [1] Sebbene questa non sia la risposta più conclusiva, l'istituzione ritiene che una serie di fattori può contribuire all'ADHD. Alcuni di questi fattori includono lesioni cerebrali, basso peso alla nascita, geni, esposizione a tossine ambientali in giovane età e assunzione di sostanze malsane durante la gravidanza, come fumo, alcol e uso di droghe.

Quali sono i sintomi dell'ADHD?



Fonte: rawpixel.com

L'ADHD inizia a mostrare i suoi sintomi durante l'infanzia. Tuttavia, non è un disturbo che termina con l'infanzia, ma piuttosto può essere con qualcosa per tutta la vita, seguendoli nell'adolescenza e nell'età adulta. I sintomi dell'ADHD includono difficoltà nel prestare attenzione, difficoltà nel controllare i comportamenti impulsivi e avere difficoltà a stare seduti ed essere iperattivi.

Nei bambini, l'ADHD si manifesta e può avere un effetto sul modo in cui un bambino funziona a scuola. I bambini possono interrompere continuamente gli altri quando parlano, sentire il bisogno di essere costantemente in movimento e trascurare costantemente i dettagli. Ciò può indurre i bambini a commettere errori costantemente mentre fanno i compiti. Può anche sembrare che non ascoltino quando gli si parla direttamente e non riescano a seguire le istruzioni, che si tratti di compiti scolastici, faccende domestiche o qualsiasi altra cosa. I bambini con ADHD molte volte inizieranno un'attività, ma poi si distrarranno e non torneranno mai più a finirla. Inoltre si agitano costantemente, possono parlare senza sosta, possono dare risposte prima che sia il loro turno di parlare o hanno la necessità di alzarsi e muoversi in ambienti dove non dovrebbero essere, come durante la lezione.



Mentre questi sintomi molte volte equivalgono all'ADHD, non sempre significano che tu o tuo figlio avete l'ADHD. Se pensi che tu o tuo figlio possiate soffrire di disturbo da deficit di attenzione / iperattività, dovreste andare da un professionista.

E se pensassi che io o mio figlio potremmo avere l'ADHD? Chi può diagnosticare l'ADHD?

Fonte: rawpixel.com



Se pensi che tu o tuo figlio potreste avere l'ADHD, è importante cercare un professionista nel campo in modo che possa fornire una valutazione e diagnosi corrette. Uno psicologo, uno psichiatra o un neurologo sono i tipi di professionisti sanitari più attrezzati e in grado di diagnosticare l'ADHD sia nei bambini che negli adulti. Tutti i terapisti di livello master sono consigliati dagli esperti da utilizzare solo per lo screening di livello iniziale.

Il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività non ha un test medico specifico a cui ti sei sottoposto per diagnosticare il disturbo. A differenza di altre malattie, non puoi riconoscerla sottoponendoti a una scansione del cervello, un esame del sangue o qualsiasi tipo di test medico in questo senso. Invece, il paziente deve passare attraverso un colloquio clinico con uno dei suddetti professionisti che sono addestrati a riconoscere, valutare e diagnosticare l'ADHD. Secondo la Brain and Behaviour Research Foundation, un paziente deve avere almeno sei sintomi di ADHD, come quelli che abbiamo menzionato prima. Questi sintomi devono essere presenti per almeno 6 mesi o più. Poiché l'ADHD si manifesta nei bambini, i sintomi devono essere presenti prima dei 7 anni, indipendentemente dal fatto che sia riconosciuto e diagnosticato nei bambini o negli adulti. Infine, i sintomi dell'ADHD devono causare una significativa menomazione o difficoltà in due o più contesti. Queste impostazioni includono scuola, lavoro, casa e situazioni sociali. [2]

Per gli adulti, la diagnosi di ADHD può essere un po 'più approfondita. Secondo gli specialisti della John Hopkins University, la diagnosi di ADHD in un adulto richiede tempo, poiché molte volte gli adulti possono avere i sintomi della SDHD ma non avere il disturbo. Per un adulto, una diagnosi di ADHD viene fatta in un colloquio clinico che si verifica nel corso di un'ora. Come accennato prima, l'ADHD si manifesta durante l'infanzia. Pertanto, per un adulto con ADHD non diagnosticato, i sintomi devono essere monitorati dall'età adulta fino all'infanzia. Molte volte, un adulto con ADHD può avere un altro disturbo psichiatrico con esso, come un disturbo dell'umore o ansia. Di conseguenza, il professionista della salute mentale che valuta il paziente deve stabilire quali sintomi appartengono a quale disturbo, poiché alcuni possono riguardare entrambi. [3]

L'Organizzazione mondiale della sanità ha approvato un test di screening di sei domande alcuni anni fa. Questo test di screening è stato segnalato dalGiornale dell'Associazione Medica Americanacome uno che, sulla base dei loro studi, potrebbe aiutare in modo affidabile a identificare e diagnosticare gli adulti con ADHD. Anche se viene avvertito che non può essere sempre così semplice, è un blocco di partenza da utilizzare per riconoscere che potresti avere il disturbo.

Ciò che può essere scioccante da sentire è che secondo gli studi, più della metà dei bambini con ADHD può continuare a manifestare sintomi da adulti. Pertanto, è importante cercare aiuto se necessario in modo che la tua vita non sia più influenzata da questo disturbo. Fai qualche ricerca e assicurati che il professionista della salute mentale a cui affidi te o tuo figlio abbia esperienza nell'affrontare l'ADHD. Puoi scoprirlo chiedendo loro quanti clienti hanno trattato, come valutano un paziente, come trattano un paziente se lavorano con bambini e adulti e che tipo di formazione hanno ricevuto o qual è il loro background. Andare da uno specialista di persona è sempre un'opzione, ma al giorno d'oggi ci sono anche altre opzioni. Siti come BetterHelp.com ti mettono in contatto con un professionista della salute mentale in modo che tu possa ottenere aiuto online, senza dover mai uscire di casa, occuparti del pendolarismo in un ufficio o superare qualsiasi fattore di disagio che potrebbe presentarsi nella ricerca di aiuto mentale .



Come tratti l'ADHD?

Fonte: rawpixel.com

Se a te oa tuo figlio è stata diagnosticata l'ADHD, ci sono varie opzioni di trattamento. Non esiste una cura conosciuta, ma ci sono modi in cui i sintomi possono essere gestiti in modo da ridurre al minimo il suo effetto sulla tua vita.

Il tipo di trattamento che riceverai dipenderà in gran parte dal medico e dal caso. I trattamenti vanno dall'intervento comportamentale alla prescrizione di farmaci. Molte volte, i farmaci sono una parte importante del trattamento dell'ADHD, sia nei bambini che negli adulti. Per i bambini, questa è una decisione importante da prendere se sei il genitore. Esistono vari tipi di farmaci per l'ADHD e avere una discussione approfondita con il medico su ciò che è meglio per tuo figlio è sempre una buona idea. I farmaci per l'ADHD si dividono in due categorie principali: stimolanti e non stimolanti.

Il farmaco prescritto dal medico può aiutare a migliorare la concentrazione nel paziente e aiutarlo a concentrarsi meglio. Mentre Adderall è probabilmente il farmaco più noto per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, ci sono anche altri farmaci. Altri farmaci aiutano a migliorare l'attenzione e la memoria.

Poiché è un rischio con la maggior parte dei farmaci, assicurati di esaminare gli effetti collaterali e capire cosa è meglio per tuo figlio. Gli effetti collaterali di questi farmaci possono variare da cose come mal di testa, secchezza delle fauci e perdita di peso, a mal di stomaco e disturbi del sonno. Poiché il corpo di ogni persona reagisce in modo diverso ai diversi farmaci, tenere d'occhio come sta influenzando te o tuo figlio e continuare a consultare il tuo medico sono passaggi cruciali in questo processo.

Oltre ai farmaci, ci sono opzioni terapeutiche che possono essere utilizzate per aiutare a curare l'ADHD. Come abbiamo detto prima, ogni opzione di trattamento dipende dal caso, quindi è importante parlare con il medico e capire se questo è un buon percorso per te o per tuo figlio. La psicoterapia e la terapia comportamentale sono entrambe opzioni praticabili. Per i bambini o anche per gli adulti che hanno vissuto con l'ADHD, affrontare e capire come lavorare attraverso determinati comportamenti è una cosa costruttiva da poter fare con un professionista della salute mentale.

Se tuo figlio ha l'ADHD, esistono anche gruppi di supporto che possono aiutarti, come genitore, a entrare in contatto con altri nella stessa situazione. Possono essere buone fonti di idee e strategie genitoriali necessarie nella vita di tutti i giorni con tuo figlio mentre esplori anche tu questo nuovo capitolo.

L'ADHD non ha una cura conosciuta, ma ci sono modi per aiutare a curare e gestire i sintomi. Cercare l'aiuto di un professionista della salute mentale è il primo e più importante passo. Siti come BetterHelp.com possono aiutarti ad avviare il processo da casa tua. Sia che tu scelga di utilizzare uno specialista di persona in un secondo momento, può metterti in contatto con un'intera rete di professionisti senza dover lasciare la tua casa.

[1] Istituto Nazionale di Salute Mentale, https://www.nimh.nih.gov/health/publications/attention-deficit-hyperactivity-disorder-adhd-the-basics/index.shtml

[2] Brain & Behaviour Research Foundation, https://www.bbrfoundation.org/ask-an-expert/how-is-adhd-diagnosed

[3] NPR, https://www.npr.org/sections/health-shots/2017/05/29/527654633/adult-adhd-cant-be-diagnosed-with-a-simple-screening-test-doctors -avvisare