Cos'è la plasticità cerebrale? Psicologia del cervello che cambia

Più impariamo sul cervello, meno lo capiamo. Questo non dovrebbe suonare spaventoso; dovrebbe suonare eccitante. Ogni giorno impariamo di più e abbiamo di più da imparare sull'organo più complicato.



Fonte: pixabay.com



La testa è stata collegata a cose come l'intelligenza e la creatività da molto prima che sapessimo come funziona, nella misura in cui sappiamo come funziona. Uno sviluppo recente di cui potresti aver sentito parlare è 'neuroplasticità' o 'psicologia della plasticità'.

Ma cos'è la psicologia della plasticità? Cosa posso fare per Te? Come puoi trarne vantaggio?



Cos'è la plasticità cerebrale?

Essenzialmente, il cervello è un insieme di cellule nervose. Queste cellule vengono comunicate da sostanze chimiche chiamate neurotrasmettitori, che vengono rilasciate da vari organi del corpo in risposta a vari stimoli. Questo aiuta a formare emozioni e molti farmaci agiscono interagendo con i neurotrasmettitori e i loro recettori.

Le cellule del cervello non comunicano solo tramite neurotrasmettitori; possono anche comunicare con cellule adiacenti tramite impulsi elettrici. Ciò significa che la disposizione geografica del cervello è più importante di quanto si pensasse una volta.

È qui che la plasticità cerebrale, chiamata anche 'neuroplasticità', e la scienza della psicologia della plasticità. La disposizione geografica del cervello non è scolpita nella pietra; può cambiare, svilupparsi e riorganizzarsi. Questo è ciò che significa plasticità.



La cosa interessante è che possiamo controllare la plasticità attraverso vari esercizi, farmaci e terapie. Ma ci arriveremo più tardi. Innanzitutto, parliamo un po 'della storia della psicologia della plasticità.

La strana storia del cervello di Einstein

Per anni si è pensato che le dimensioni del loro cervello determinassero l'intelligenza di una persona. Pensa alla frase di Samuel L. Jackson in Pulp Fiction, 'Guarda il grande cervello di Brett!'



Agli esseri umani piace pesare le cose, quindi sappiamo che il cervello umano medio pesa circa tre libbre. Teoricamente, se l'intelligenza si basa sul peso del cervello, ciò darebbe un indicatore dell'intelligenza media.

Fonte: rawpixel.com

Questa teoria è stata testata nel 1955. Nel 1955 Albert Einstein morì nel New Jersey. Einstein è stata una delle più grandi menti del ventesimo secolo. Il fisico ha cambiato il modo in cui pensiamo al tempo, all'energia e praticamente a tutto il resto. Sicuramente, il suo cervello deve essere enorme. Dopo aver respirato il suo cervello è stato preso - alcuni dicono rubato - e studiato. È stato scoperto che pesa circa 2,7 libbre. Nonostante l'età avanzata di Einstein, sembrava ridicolo che il suo cervello fosse più piccolo della media.

Il cervello non è stato solo pesato. È stato anche fotografato, dipinto, sezionato, trasformato in diapositive, spedito in tutto il paese e infine conservato in barattoli di vetro all'interno di un dispositivo di raffreddamento della birra in una residenza privata a Wichita Kansas.



Tuttavia, non è stato tutto per niente. Abbiamo imparato qualcosa dal cervello di Einstein. Non era più grande del normale, ma era più complicato del normale.

L'inizio della psicologia della plasticità

Abbiamo parlato poco prima della struttura del cervello. Quello di Einstein era diverso.

Tutti i cervelli hanno 'pieghe' sulla superficie esterna. Quelli più superficiali sono chiamati giroscopi e quelli più profondi sono chiamati fessure. La geografia del cervello ha aiutato gli scienziati a mapparlo e ad apprendere quali parti del cervello controllano le diverse funzioni.

definizione di psicologia umanistica

Il cervello di Einstein mancava di una delle fessure principali. Gli scienziati ritengono che ciò abbia garantito una maggiore connettività nell'area identificata con la matematica. Aveva anche una densità neuronale maggiore rispetto al cervello medio.

Questo lasciava ancora la domanda: l'intelligenza è un colpo di fortuna genetico o possiamo cambiare idea per cambiare il nostro cervello?

Nel 1955 avevamo il cervello di Einstein, ma non avevamo ottimi modi per guardare il cervello di una persona vivente.

Quarant'anni dopo, avevamo capacità di imaging molto migliori che ci hanno permesso di esaminare il cervello delle persone viventi. Questo è esattamente ciò che stava facendo il dottor Bruce McEwen. Nel 1998, McEwen ha scoperto che le forme del nostro cervello potevano cambiare in risposta a come le usiamo.

Le basi della neuroplasticità sono piuttosto semplici: quando usi il cervello, cambia. Questo suona un po 'come, beh, imparare. Tuttavia, rimuove il significativo ostacolo della convinzione un tempo sostenuta che ciò che il nostro cervello può fare è determinato da fattori genetici. Quello che puoi fare è determinato da ciò che cerchi di fare e da quanto ci provi, non dalle dimensioni e dal peso del cervello con cui sei nato.

Praticare la neuroplasticità

La scienza della neuroplasticità ha svolto un ruolo enorme nel modo in cui gli psicologi affrontano cose come i disturbi dell'umore, ma ci arriveremo più tardi. Proprio come Einstein, non è necessario avere un disturbo dell'umore per beneficiare della neuroplasticità. Inoltre, non hai bisogno di un terapista, consulente o medico come fai per quella che chiameremo psicologia della plasticità.

Fonte: rawpixel.com

Poiché la neuroplasticità significa solo che devi usare il cervello per farlo funzionare meglio, puoi praticarlo da solo. Sono stati sviluppati diversi giochi per computer e applicazioni per aiutare gli utenti a svolgere compiti difficili, solitamente in modo divertente, per aiutare a influenzare il modo in cui il loro cervello prende forma indipendentemente dalla loro età. Questi giochi sono legati alla teoria secondo cui fare puzzle di parole e altri esercizi mentali può aiutarti a mantenerti acuto nella vecchiaia.

john b. watson

La scienza è ancora dibattuta tra gli esperti su quelle teorie. Tuttavia, non c'è mai stato uno studio che ha dimostrato che fanno male. Quindi, anche se potresti non voler pagare un abbonamento a giochi o app di allenamento per il cervello fantasiosi, fare i puzzle di numeri o di parole sul giornale potrebbe farti del bene. E non fa mai male prendere un libro invece di scorrere i social media sul tuo telefono.

Psicologia della plasticità

Si spera che la sezione precedente non ti abbia scoraggiato dall'idea di plasticità cerebrale. Sono come molte idee in psicologia. Gli esperti sono scettici su quanto puoi fare da solo e con le tue risorse, ma molto più sicuri di ciò che puoi fare con l'aiuto di professionisti e con alcuni strumenti più avanzati.

Ne abbiamo già parlato un po 'prima, ma una delle grandi aree in cui entra in gioco la psicologia della plasticità è il trattamento di disturbi dell'umore come depressione, ansia e disturbo da stress post-traumatico.

Fonte: pexels.com

A volte questi disturbi sono causati da eventi nella vita di una persona, come lo stress cronico, una morte in famiglia o qualche altro tipo di trauma. Pensavamo solo al disturbo da stress post-traumatico nei soldati che avevano prestato servizio nelle zone di combattimento, ma ora sappiamo che può anche seguire crimini violenti, abusi e persino eventi come gli scontri stradali.

In altri casi, questi disturbi sono causati da squilibri chimici nel cervello. Ricordi quei neurotrasmettitori di cui abbiamo parlato nell'introduzione? A volte i disturbi dell'umore sorgono quando il corpo non produce questi neurotrasmettitori nella giusta quantità, o se il cervello non ha la giusta quantità di ricevitori attivi per loro.

Tuttavia, altri potrebbero affrontare entrambi questi ostacoli. Forse avevano una predisposizione genetica per un disturbo dell'umore e poi qualcosa nella loro vita 'li ha spinti oltre il limite'.

Di conseguenza, alcune persone affrontano i loro disturbi dell'umore attraverso la terapia. Altri, solo con prescrizione. Altri, tuttavia, ottengono prescrizioni per mesi o anni mentre si sottopongono anche alla terapia della parola. Questo perché i pazienti con molti disturbi dell'umore hanno una ridotta neuroplasticità. Oltre a limitarli in altri modi, questo può impedire loro di superare la loro condizione senza un aiuto professionale. Questo è uno dei tanti motivi per cui le persone con disturbi dell'umore sono così stanche di sentirsi dire semplicemente di 'rallegrarsi' o 'calmarsi' - non possono.

Le prescrizioni per i disturbi dell'umore aiutano gradualmente a correggere lo squilibrio dei neurotrasmettitori che può aver contribuito alla condizione, ma aumentano anche la neuroplasticità rendendo più facile per il paziente il recupero attraverso la terapia, anche se il loro disturbo dell'umore era più biologico del risultato di un tragico o evento traumatico.

Come BetterHelp può aiutare

Tutti possono trarre beneficio dalla neuroplasticità, ma non tutti hanno bisogno di un terapista o di un consulente. Puoi trarre vantaggio dalla neuroplasticità ma provando i più recenti giochi e app di `` allenamento del cervello '' o semplicemente studiando di più o più duramente.

Tuttavia, se hai un disturbo dell'umore, la psicologia della plasticità dovrebbe significare qualcosa di diverso per te. Non è solo un modo per fare più soldi o per essere più interessanti alle feste; potrebbe essere un modo per riavere la tua vita.

Sfortunatamente, molte persone che potrebbero trarre beneficio dalla terapia non entrano in contatto con un terapeuta; ottengono solo una ricetta. Ciò potrebbe essere dovuto a diversi motivi. Per molte persone, la terapia può essere troppo costosa e non coperta da assicurazione mentre i farmaci lo sono. Altre persone possono vivere in comunità rurali dove possono essere somministrati farmaci ma terapisti e consulenti no. La buona notizia è che al giorno d'oggi tutti hanno accesso a consulenti e terapisti.

Oltre a pubblicare articoli educativi come questo, noi di BetterHelp aumentiamo l'accessibilità e l'accessibilità economica della terapia collegando le persone con terapisti e consulenti qualificati e autorizzati tramite il computer.

Per ulteriori informazioni su come puoi trarre vantaggio dal parlare con un terapista online, visita https://betterhelp.com/online-therapy/.